Lilli e il Vagabondo, il live-action censura una celebre scena

Lilli e il Vagabondo
Lilli e il Vagabondo

Disney sta lavorando alla trasposizione live-action del suo classico Lilli e il Vagabondo ma con qualche ritocco, forse, di troppo

Il classico Disney Lilli e il Vagabondo è stato realizzato nel 1955 ed è stato diretto da Charlie Bean. In cantiere c’è la versione live-action che uscirà a fine 2019. Ma due protagonisti del film originale sono stati rimossi, si tratta dei due gatti siamesi, che potete vedere all’opera in questo video (finché non rimuovono anche questo):

Leggi anche: Monsters and Co., arriva la serie TV sequel su Disney+

I due gatti saranno sostituiti da altri due animali, ancora non noti. Il motivo dell’omissione di questi due personaggi è la discriminazione razziale nei confronti degli asiatici.

I due gatti del Siam (oggi Thailandia), come riporta il sito americano Variety, sono una versione stereotipata della cultura asiatica. Ambigui, maliziosi e infidi, i due gatti sono personaggi scomodi e offensivi per la mentalità di oggi. Ovviamente la loro esclusione non penalizza Disney per quanto riguarda il mercato asiatico. Nel 2013, un’analisi sulla canzone del classico Disney ha riportato alla luce questo problema sui due gatti, lo studioso ha detto che i due animali asiatici del film sono sempre pronti a intimidire e ingannare, questo sarebbe ritenuto una offesa per i thailandesi di oggi. La canzone, nello specifico, sarebbe un risultato dell’ansia post Seconda Guerra Mondiale che gli americani avevano nei confronti degli asiatici.

Nell’originale Lilli e il vagabondo la canzone era interpretata da Peggy Lee, che doppiava entrambe le voci dei gatti Si e Am. La canzone definita “razzista” cantata dai Gatti Siamesi sarà riscritta da Janelle Monáe. Il film live-action sarà una esclusiva del servizio streaming Disney+

Leggi anche: Disney+: svelati catalogo, data di lancio e prezzi

Non è chiaro, ma è molto probabile, che Disney metterà le mani sul classico per tagliare qualche scena e forse rimpiazzarla.

Leggi anche: Cara Delevingne: “Sono bisessuale, per colpa di Disney non mi accettavo”

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com.