Stanley Kubrick – Le peggiori teorie complottiste sul regista

Stanley Kubrick è uno tra i più importanti cineasti della storia.Tanto importante da aver creato intorno alla sua figura un alone di mistero.

Condividi l'articolo

Dr.Stranamore e la corruzione dei fluidi corporei essenziali

Tutti conosciamo Dr.Strangelove e la sua potentissima carica satirica. Un generale americano pronto a scatenare la terza guerra mondiale, perché convinto di un complotto comunista a danno dei suoi fluidi essenziali, che metterebbe in pericolo le sue performance sessuali. Un delirio diffuso e una grande metafora fallica, serviti a Kubrick per realizzare, in uno dei suoi più grandi capolavori, una profonda riflessione sulla precarietà della pace mondiale, sulla fragilità umana e la casualità.

Agli occhi dei complottisti ovviamente tutto ciò è poca cosa. Infatti in molti sostengono che Kubrick fosse a conoscenza dei piani segreti di guerra tra USA e URSS. Uno di questi riguardava l’utilizzo massivo della fluorizzazione dell’acqua, che avrebbe permesso ai poteri forti di estendere il loro controllo a individui sempre più debilitati. Dr.Strangelove, allora, non sarebbe che l’ennesimo atto di denuncia dell’ennesima delirante teoria. A quanto pare Kubrick sapeva davvero troppe cose. E infatti…

Kubrick è stato assassinato

Chiunque abbia creduto che Stanley Kubrick morì per cause naturali si è sempre sbagliato. D’altronde un uomo a conoscenza delle mire pedofile della NASA, dei fluorocomplotti, dell’esistenza degli alieni e di molte altre cose non poteva non avere qualche nemico potente tra CIA, sovietici, discendenti di Woodrow Wilson o Scientology. Ma chi tra tutti questi avrebbe ucciso il regista? Non lo sappiamo, forse uno, forse tutti insieme come una megasetta antikubrickiana. Il segnale inequivocabile del suo assassinio sarebbe la data della sua morte. Il 7 marzo 1999 dista infatti precisamente 666 giorni dall’inizio del nuovo millennio. Questi illuminati saranno pure segretissimi e geniali, ma si fanno sgamare troppo facilmente, dai.

LEGGI ANCHE:  Cristopher Nolan rivela la domanda che avrebbe voluto fare a Stanley Kubrick

Arancia meccanica ed MKULTRA

Questa teoria è invece abbastanza famosa. Ed ha anche un fondo di verità, dato che l’autore di A Clockwork Orange, Anthony Burgess, ha lavorato per i servizi segreti inglesi. E anche se non riusciamo ad immaginare il perché, secondo la teoria del complotto la CIA è stata coinvolta nella scrittura del libro. Tra tutti gli adattamenti cinematografici di Kubrick, questo è uno dei più aderenti all’originale, e in quanto tale mantiene tutti i riferimenti che fa Burgess al progetto MKULTRA. La tortura che subisce il nostro affezionatissimo Alex ricalcherebbe alla perfezione il modello del programma segreto americano. Abusi mentali e fisici, messaggi visivi e sonori più o meno subliminali, il programma Ludwig assomiglia molto al progetto MKULTRA. In questo caso, non è ben chiaro se come gesto di denuncia o di propaganda.

Stanley Kubrick lavorava per gli Illuminati

Questa è la teoria complementare dell’assassinio di Kubrick, o anche un corollario della sua lunga carriera ricca di oscuri segreti. Il coronamento della produzione di Kubrick, Eyes Wide Shut, è stato visto da alcuni complottisti non come una denuncia di Scientology, ma come un manifesto di propaganda degli Illuminati. Secondo loro Kubrick, che ha trascorso la sua vita affianco alla grande setta degli Illuminati, con la sua ultima pellicola ha inscenato una grande operazione ipnotica per renderci inconsciamente consapevoli della presenza degli Illuminati, e accettarli senza averne paura. La festa in maschera, dall’atmosfera non meno oscura e misteriosa, rappresenterebbe in maniera meno cruda e violenta i riti del culto iniziatico: in questo modo spingerebbe il pubblico ad accettarli e non giudicarli troppo duramente.

LEGGI ANCHE:  All work and no play makes Jack a dull boy

Shining parla dell’apocalisse Maya

Questo è probabilmente il capolavoro complottista per eccellenza. Il 21 dicembre 2012 era la data del compimento di quella psicosi collettiva tramandataci dai Maya, secondo la quale il mondo sarebbe finito. In realtà negli anni ’70 la data dell’apocalisse era il 24 dicembre 2012, che fu poi corretta solo nei primi anni del 2000. E ovviamente il nostro affezionatissimo, così appassionato di misteri, teorie e complotti, avrebbe infarcito Shining di riferimenti cabalistici alla fine del mondo. Questa lista riporta i numerosi riferimenti ai numeri 21, 12, 24 e 42 che si possono trovare in Shining. Ad esempio le due versioni che esistono della pellicola si differenziano di 24 minuti, e 24 è la somma delle cifre nella data 7/4/1921, che è quella della foto finale del film. Che fossero riferimenti numerici alla profezia Maya può essere certamente affascinante da osservare, ma forse è più lucido ammettere che Stanley Kubrick avesse qualche disturbo ossessivo-compulsivo più o meno conscio.

Kubrick

Potrebbe interessarti anche:

Seguiteci e scriveteci su Lasciammiapensa.com