La risposta di Nick Cave ad una fan a proposito della morte del figlio

Il cantante ha risposto ad una domanda pubblicata sul sito web di Red Hand Files all’inizio del mese scorso.

Sul web sta spopolando la toccante lettera aperta di Nick Cave – il frontman della band australiana Nick Cave and the Bad Seeds – sulla morte di suo figlio, Arthur, scomparso a soli 15 anni nel 2015 cadendo da una scogliera a Brighton, in Inghilterra. Una parentesi emotiva meravigliosa sull’amore, il dolore e lo spirito.

Questo è ciò che la fan ha chiesto:

Ho vissuto la morte di mio padre, mia sorella e il mio primo amore negli ultimi anni e sento di avere qualche comunicazione con loro, soprattutto attraverso i sogni. Mi stanno aiutando. Tu e Susie avvertite che vostro figlio Arthur è con voi e che stia comunicando in qualche modo? “

Cave ha ringraziato il fan per la sua “bella domanda”, dicendo che ha sentito e sente la presenza di suo figlio tutto il tempo.

Sento la presenza di mio figlio, tutt’intorno, ma potrebbe non esserci, lo sento parlare, farmi da guida, guidarmi, anche se potrebbe non esserci. Frequenta regolarmente Susie nel sonno, le parla, la conforta, ma potrebbe non esserci, il dolore del terrore percorre fantasmi luminosi nella sua scia”.

Cave continua dicendo che il dolore è il prezzo dell’amore e che i due sono “intrecciati per sempre”.Mi sembra che se amiamo ci rattristiamo, questo è il patto, è il patto, ha scritto.

“Il dolore è il terribile promemoria della profondità del nostro amore e, come l’amore, il dolore non è negoziabile”.

Prosegue sostenendo che le voci che ascoltiamo dai morti sono volute dalla nostra immaginazione e diventano “guide spirituali” che conducono i dolenti fuori da un luogo oscuro.

Siamo minuscoli ammassi di atomi sussunti all’interno della meravigliosa presenza del dolore, che occupa il nucleo del nostro essere e si estende attraverso le nostre dita fino ai limiti dell’universo. All’interno di quel vortice turbinante esistono tutti i tipi di pazzia, fantasmi e spiriti e visite oniriche, e tutto il resto che, nella nostra angoscia, avverrà. Questi sono doni preziosi che sono validi e reali quanto noi abbiamo bisogno che siano: sono le guide spirituali che ci guidano fuori dall’oscurità“.

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here