RomaFF13, Il Mistero della Casa del Tempo: Eli Roth cambia genere e sbaglia

0
239
Il Mistero della Casa del Tempo

Cate Blanchett incontra il pubblico della Festa del Cinema di Roma, dismette gli abiti di attrice Premio Oscar per Blue Jasmine e Io non sono qui (2008), nonché ultima Presidente di Giuria del Festival de Cannes, diventa una strega buona e presenta il suo nuovo film: il Mistero della Casa del Tempo (The House With A Clock In Its Walls) di Eli Roth, adattamento per il cinema del bestseller firmato John Bellairs.

Il Mistero della Casa del Tempo

 

Il Mistero della Casa del Tempo entra di diritto nella macro-categoria “Film con Maghetti”, inaugurata ormai molti anni orsono da J.K.Rowling e l’Universo Harry Potter. Cate Blanchett è Mrs. Zimmerman, austera zia dal passato drammatico, mentre il suo migliore amico Jack Black è Zio Jonathan: una coppia bislacca, unita dall’affetto e dal potente esercizio della Magia. Insieme, dovranno imparare ad accogliere un bambino di appena 10 anni, decisamente disorientato dalla perdita dei genitori: Lewis Barnavelt (Owen Vaccaro, che è già una piccola stella del cinema grazie a Daddy’s Home e Mother’s Day). Questa famiglia allargata necessita di un po’ di rodaggio: ma in loro aiuto, contribuirà inverosimilmente una vecchia casa scricchiolante, una missione segreta, l’insegnamento dei principi magici e una battaglia senza quartiere contro temibili antagonisti.

Se i buoni sono Jack Black e Cate Blanchett, anche i villain de Il Mistero della Casa del Tempo arrivano diretti dall’Olimpo del Cinema: primo fra tutti, il malvagio ma leggendario Mago Isaac Izard, altri non è che Kyle MacLachlan (Agente Speciale Dale Cooper di Twin Peaks, icona e feticcio per David Lynch, ma anche per le fan di Desperate Housewives e How I Met Your Mother).

Il Mistero della Casa del Tempo

Il regista scelto da Quentin Tarantino per la saga Horror Hostel, Eli Roth, prende così in carico un film e un immaginario già programmato per vincere e conquistare un’orda di bambini in ogni parte del mondo. C’è tutto in questo film: esercizi di magia, Caotic Good e Caotic Evil, bacchette e misteriose formule magiche, sbagli, rivelazioni e grandi colpi di scena. Eppure, come nel caso del recente remake de Il Giustiziere della Notte, il promettente Eli Roth sembra ormai diventato un mero esecutore hollywoodiano, capace solo di condurre la nave in porto.

Per quanto destinato a un pubblico di bambini, e nonostante un cast di attori di prim’ordine, il risultato è davvero opaco e poco interessante. Sarà solo un’impressione, ma gli stessi Agente Cooper, Cate Blanchet e Jack Black, sembrano perplessi delle battute e gli effetti speciali loro affidati. Decisamente più nella parte il maghetto Bambino, Owen Vaccaro, che non mancherà di conquistare i piccoli spettatori.

Per i bambini grandi e gli altri accompagnatori, consigliamo di rivolgersi direttamente al libro, The House With A Clock In Its Walls di John Bellairs, ma soprattutto alle illustrazioni originali di Edward Gorey. C’è decisamente un’altra storia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here