Caso Cucchi, parla il regista del film Sulla Mia Pelle

Caso Cucchi, parla il regista del film Sulla Mia Pelle

Di recente c’è stata una consistente svolta nel caso Cucchi. Uno dei militari al centro del processo bis, Francesco Tedesco, ha ricostruito in una denuncia, i fatti della notte tra il 15 e 16 ottobre 2009 quando il geometra romano, Stefano Cucchi, venne arrestato e interrogato, dove  successivamente, morì all’ospedale Pertini la settimana dopo. Tedesco ha ammesso il pestaggio, accusando i colleghi Raffaele D’Alessandro e Alessio Di Bernardo della violenta aggressione.

Poche ore fa Alessio Cremonini, il regista del film Sulla Mia Pelle ha rilasciato qualche dichiarazione in merito a questa svolta sul caso Cucchi, durante un’intervista con l’ANSA.

Ecco le parole rilasciate dal regista italiano:

“Quella maledetta porta si sta aprendo, è solo un’udienza e non una sentenza, ma auspico che si arrivi alla verità e alla giustizia”

Inoltre Cremonini ha aggiunto:

“Questo film è speciale, è vivo e oggi è un giorno magico che tutti noi aspettavamo come cineasti e come cittadini: abbiamo sempre immaginato che Stefano non fosse caduto per le scale. Bisogna constatare che ci sono voluti 9 anni per questa udienza”, aggiunge ancora Cremonini.

A dire la sua c’è stato anche il protagonista del film, Alessandro Borghi, che attraverso un post su facebook ha espresso il suo pensiero:

Caso Cucchi, parla il regista del film Sulla Mia Pelle

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here