Roman Polanski difeso dalla sua vittima Samantha Geimer: “Ha scontato la sua pena”

0
164
roman polanski

Roman Polanski è stato di nuovo risucchiato al centro della bufera mediatica scatenata dal movimento #MeToo a seguito della dichiarazione rilasciata riguardo il nuovo film che avrebbe in cantiere.

La rivista Esquire si è lanciata contro il regista, Roman Polanski, criticando la scelta della sceneggiatura di realzzare J’accuse, sottolineando il fatto che, legalmente, Polanski fu considerato colpevole dello stupro di Samantha Geimer nel 1977.

Ed è proprio la Geimer che è intervenuta a difesa di Roman Polanski, dichiarando in un tweet:

“Roman non ha bisogno di un ritorno del #MeToo. Questo è tutto ciò che hai Esquire, attaccare un uomo che si è scusato e ha fatto ammenda anni fa?” 

Ha continuato poi:

“Si è dichiarato colpevole, ha scontato la sua pena. Ed è stato abusato insieme alla sua vittima dallo stesso pazzo giudice. Sono andata avanti, perchè gli altri non possono?”

Ad esser precisi, Roman Polanski non ha in realtà non ha scontato la sua pena, essendo fuggito dal paese quando ha seppe che la condanna era 41 anni.

La Geimer ha espresso commenti simili in passato, molti dei quali hanno avuto a che fare con l’andare avanti dall’esperienza e non prolungarla ulteriormente. All’inizio di quest’anno ha parlato con IndieWire delle scuse scritte a mano che Roman Polanski le ha inviato e che lei sembra aver accettato: “E ‘stato davvero significativo per le persone intorno a me che si sono preoccupate, il che lo ha reso davvero importante per me. Qualunque cosa che possa far sentire meglio mia madre è qualcosa per cui sono grata “, ha detto.

Concludendo con:

“Credo che bisogni accettare le scuse, anche se non le si vogliono”

Per altre news del genere continuate a seguirci sulla nostra pagina facebook Lascimmiapensa.com

fonte: IndieWire

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here