Once Upon a Time in Hollywood, critiche dalla moglie di Polanski

Once Upon a Time in Hollywood: Margot Robbie nel nuovo poster

Once Upon a Time in Hollywood ha vinto solo la Palm Dog a Cannes, arrivano le critiche della moglie di Roman Polanski

La moglie di Roman Polanski ha criticato lo sceneggiatore/regista Quentin Tarantino venerdì scorso per non essersi consultato con il marito sul suo nuovo film, che racconta la tragica storia dell’omicidio dell’ex moglie di Polanski, Sharon Tate (nel film interpretata da Margot Robbie).

Once Upon A Time In A Time In Hollywood di Tarantino ha appena debuttato al Festival di Cannes con recensioni entusiaste (potete leggere i commenti a caldo qui). Ma Emmanuelle Seigner, moglie di Polanski, ha detto in un post in lingua francese su Instagram che Tarantino stava “usando la tragica vita di qualcuno per poi calpestarla” al fine di raccontare una storia. Ecco il post originale:

Poi la Seigner modifica il post, spiegando meglio il suo concetto:

“Piccolo aggiustamento perché vedo che alcune persone non capiscono il mio punto di vista. Non sto criticando il film. Dico solo che non gli dispiace [a Tarantino] fare un film su Roman e la sua storia tragica e quindi fare soldi utilizzandolo, mentre d’altra parte, l’hanno reso un emarginato. E tutto questo senza consultarlo, ovviamente.
Che il film sia buono, per fortuna, voglio dire. Ma il concetto mi dà fastidio.”

Tate fu assassinato dai membri della famiglia Manson nel 1969. Seigner ha detto che Tarantino avrebbe dovuto parlare con Polanski del trattamento che il film ha riservato a quell’evento.
Polanski è in esilio da Hollywood dal 1978, da quando ha ammesso di aver avuto rapporti con una ragazzina di 13 anni. Fuori dagli Stati Uniti evita il carcere.

Leggi anche: Once Upon a Time in Hollywood: Tarantino potrebbe portare in sala una versione più lunga

Polanski è rappresentato nel film di Tarantino, ma è solo un personaggio minore. L’attrice Margot Robbie interpreta Sharon Tate, e ha detto: “Quentin me l’ha detto presto – lei è il cuore pulsante della storia. L’ho appena vista come un raggio di luce”, ha detto Robbie.

Leggi anche: Flavia Vento scrive a DiCaprio: “Tarantino fa film per malati di mente”

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com