Le 10 migliori scene di violenza degli ultimi 30 anni

0
10998

Durante le riprese, la violenza significa amore e armonia. Durante le riprese dei miei film, nessuno si è ferito gravemente. La cosa curiosa è che più l’amore è grande, più aumenta la violenza. Ultimamente ho il dubbio che proprio dall’amore nasca la violenza. In altre parole, sono la stessa cosa.

Questo è il pensiero di Takashi Miike riguardo alla violenza. Il regista giapponese, noto per il carattere estremamente splatter, violento, perverso e conturbante delle sue pellicole ha sicuramente una posizione piuttosto estrema e forse viziata da quelle che sono state in carriera le sue stesse scelte stilistiche, tuttavia sarebbe riduttivo e un tantino ipocrita liquidare la rappresentazione della violenza al cinema come una prerogativa di film di serie b, per le masse, da pizza e birra insomma. La violenza è nella natura umana sin dall’alba dei tempi e di riflesso la si può rintracciare in ogni aspetto della vita dell’uomo e di conseguenza anche nell’arte.
  

Una vera e propria estetizzazione della violenza si è resa protagonista anche nel cinema, in particolare sul finire del secolo scorso e al principiare dell’attuale. L’ultraviolenza era uno dei punti di forza dell’immortale opera kubrickiana Arancia Meccanica capace di shockare a tal punto la critica internazionale da essere gravato da numerosi divieti: si pensi che in Italia il film non fu proiettato in tv prima del 2007, 36 anni dopo la sua uscita. Il critico d’arte Achille Bonito Oliva si rese conto che ciò che Kubrick voleva comunicare col suo film era la pericolosità dell’opera stessa, si trattava in un certo senso di un autodenuncia riguardo l’estetizzazione della violenza.

Kubrick profetizza anche la pericolosità di una violenza “estetizzante” anzi, la rappresenta, ce la mette sotto gli occhi, utilizzando la Nona di Beethoven e Rossini: una violenza a ritmo di musica.

Sulla scia di Kubrick molti registi nel recente passato hanno avuto il coraggio di portare sul grande schermo personaggi folli come Alex de Large, finchè uno dei registi contemporanei più influenti non ha compiuto il passo finale nell’estetizzazione della violenza: Quentin Tarantino. Tarantino ha prodotto una violenza per tutti, universalmente riconosciuta di grande qualità e fattura. L’esplorazione del cinema d’exploitation elaborata dal regista ha permesso di elevare l’intero genere e offrirlo sotto nuove forme.

Questa piccola introduzione serve anche a giustificare che in una lista delle migliori 10 scene di violenza del cinema moderno, l’unico che può presentarsi con una doppietta è proprio lui, il mainstream, l’immancabile, l’al di sopra le regole, l’eclettico, Quentin.

L’ordine dei film è rigorosamente cronologico e abbiamo scelto di restringere il campo selezionando scene in cui viene compiuto un massacro, o strage, o mattanza a patto che abbia un valido motivo, sia esso tecnico o di contenuto, per elevarsi al di sopra degli altri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here