Qualcuno fermi Childish Gambino

Qualcuno fermi Childish Gambino

Donald Glover, in arte Childish Gambino, torna a far parlare di sè con il suo nuovo video Feels Like Summer.

Childish Gambino ci ha ormai abituato ai suoi video, zeppi di allegorie e messaggi nascosti, come il celebre This Is America. Questa volta è il turno di Feels Like Summer, pubblicato il 3 settembre 2018 assieme al singolo Summertime Magic. Creato con la collaborazione del visual artist Justin Richburg, ha come protagonista un anonimo Gambino animato, che veste i panni di un osservatore apparentemente distratto.

Non ha importanza quello che gli accade intorno: non interagisce con le situazioni che osserva, non smette mai di camminare. Il suo personaggio non rallenta mai. Donald sembra osservare le scene con disinteresse e scarsa partecipazione, che è un po’ lo stesso atteggiamento che assume nei confronti delle controversie che si trova a vivere nel suo settore.

Da un lato all’altro della strada, vediamo la nuova e la vecchia generazione dell’hip-hop convivere in modo sereno. Il video va oltre i numeri di ascolti, la complessità dei testi, l’educazione artistica e così via, e mostra le figure di entrambi i lati del divario che vivono in armonia. Una rappresentazione utopica della comunità artistica nera.
Childish Gambino vuole mostrare come alcuni di loro sembrano aver perso il senso di ciò che fanno.

Proviamo ad interpretare il significato di alcuni dei cameo presenti nel video.

I Migos e il basket.

Questo è indubbiamente un riferimento alle abilità – ben documentate – di basket di Quavo, uno dei tre rapper del trio Migos. In Italia è noto per aver collaborato al singolo Rockstar con Sfera Ebbasta.

Will Smith che lava la sua auto.

Un attempato Will Smith, in canotta e ciabatte con calzino annesso, è intento a lavare la sua auto. Il riferimento ai versi della sua celebre Summertime è palese: You just finished wiping your car down, Will.

L’isolamento di Azealia Banks.

Azealia Banks è su un albero, sul ramo più ombreggiato, osservando da una certa distanza ciò che le succede attorno. Il fatto che si rilassi da sola mentre gli altri sioo intenti a giocare tra loro la dice lunga: forse è una metafora della posizione sempre più isolata di Banks nell’industria musicale, come conseguenza delle sue numerose controversie.

Travis Scott rovescia il castello costruito con cura da Nicki Minaj.

Uno dei cameo più significativi del video è quello che vede protagonisti Nicki Minaj e Travis Scott. I due hanno abbandonato le posizioni raggiunte nelle classifiche i primi di Agosto: Nicki aveva pianificato di raggiungere il primo posto con il suo album Queen, ma Travis Scott le ha rubato lo scettro con Astroworld.

Nel video vediamo i due intenti a giocare con delle costruzioni, che sono tradizionalmente giocattoli per bambini e che probabilmente simboleggiano la loro “faida” estiva, dai connotati molto infantili, evidentemente.

Soulja Boy insegna a Lil Pump e Trippie Redd.

Nella clip viene mostrato Soulja Boy fare un lungo discorso a Lil Pump e Trippie Redd. Soulja Boy è visto come il primo vero rapper virale e come Lil Pump e Trippie Redd, ha dovuto affrontare una lunga schiera di critiche da parte della vecchia generazione. Probabilmente sta passando il testimone ai due, dandogli consigli e ponendosi come una guida per aiutarli ad affrontare le critiche.

Kid Cudi, Kanye West e Chris Brown.

Quando il testo della canzone sembra esprimere un processo di cambiamento, nel momento in cui vengono pronunciate le parole “Oh, you know, you know the pain“,  il video mostra le immagini di coloro che avrebbero bisogno del supporto di questa comunità, chiedendo empatia per conto di Kid Cudi, Kanye West e Chris Brown.

Cudi è noto per aver aperto il dialogo sulla salute mentale nell’hip-hop e ha visto una ripresa di carriera negli ultimi tempi. Gambino potrebbe alludere al trionfo interiore di Cudi contro la sua oscurità personale.

Kanye West ha recentemente dichiarato il suo appoggio alla campagna di Donald Trump, il cui motto è scritto sulla visiera del cappello: Make America Great Again. Il fatto che stia piangendo potrebbe alludere alla recente intervista di West alla radio TMZ, durante la quale il cantante si è commosso e ha chiesto umilmente perdono per i commenti infelici espressi negli ultimi tempi, primo fra tutti quello secondo cui i 400 anni di schiavitù erano in realtà frutta di una “scelta” della popolazione nera. Il perchè dell’ex first lady Michelle Obama ci è oscuro: indubbiamente, è il ritratto di una donna compassionevole.

L’immagine di Chris Brown ci riporta all’episodio di violenza perpetrata nei confronti dell’ex-fidanzata Rhianna, qualche anno fa. Venne immediatamente additato come un mostro, ma a nessuno passò per la mente di domandarsi il perchè di certi gesti, di capire il perchè del suo malessere. Questo è il messaggio di Gambino: l’immagine mostra quanto la gogna pubblica stia distruggendo Chris. Non è importante ciò che stia facendo o quanto cerchi di essere un uomo migliore, viene sempre buttato giù, tirando in ballo il suo passato.

Viene evocato anche il ricordo di Whitney Houston e Michael Jackson, le prime vittime delle insidie ​​della fama, che non hanno ricevuto il sostegno che l’attuale divisione della comunità nera nega a coloro che dovrebbero poterne trarre beneficio. Ciò non significa chiudere un’occhio sugli errori da questi commessi, ma sottolinea la necessità di stimolare il dialogo, prima di condannare in modo definitivo.

Mentre tutto questo accade, Gambino continua a camminare, si lascia alle spalle le buffonate dei suoi colleghi, andando verso un posto diverso rispetto a quello dei suoi contemporanei. Si sta allontanando da loro.

La saggezza imparziale di Gambino probabilmente è maturata quando entrambi i lati del gap generazionale non erano disposti a riconoscere la sua legittimità nell’hip-hop. Sta implorando un cambiamento di prospettiva, tentando di favorire l’accettazione: l’accettazione reciproca, l’accettazione del loro ruolo e della responsabilità come comunità e l’accettazione del cambiamento in sé. È un messaggio che merita occhi e orecchie ben oltre il mondo dell’hip-hop, ma in periodi così divisivi come questi, qualsiasi posto è un buon punto di partenza.

E il testo?

E’ pazzesco come Feels Like Summer suoni “caldo”, quasi allontanando la mente dal reale significato del testo. Qui Childish Gambino ci dice che le api stanno morendo, gli uccelli, nati per cantare, non emettono alcun suono, che il riscaldamento globale sta peggiorando e l’acqua sta finendo. Dunque il clima caldo del video è quello di un’estate innaturale, che ha conseguenze drammatiche. Questo messaggio è camuffato da un motivetto orecchiabile che si presenta come una hit estiva, simile a Summertime Magic, il brano che ha accompagnato la pubblicazione di Feels Like Summer.
Anche questa volta Childish Gambino sta tentando di spingere i suoi ascoltatori alla riflessione veicolando un messaggio dal carattere ambientalista, ma non solo: la sua è una denuncia di una condizione critica che la società non riesce a sbrogliare, perchè concentrata su controversie più futili.

Di seguito sono elencati gli altri cameo presenti nel video:

  • Lil Pump and Trippie Redd (00:46)

21 Savage and Metro Boomin’ (00:48)

Kodak Black (00:57)

Migos (1:00)

Chance the Rapper, Jaden Smith, Birdman (1:20)

Will Smith (1:25)

Azealia Banks (1:28)

Nicki Minaj and Travis Scott (1:29)

The Weeknd, Ty Dolla $ign, and Frank Ocean (1:35)

A$AP Rocky, Solange, and Willow Smith (1:39)

Soulja Boy (1:41)

Drake and Future (1:46)

Kid Cudi (1:59)

Kanye West and Michelle Obama (2:06)

Beyoncé and reference to Fredo Santana (2:15)

Florida governor Andrew Gillium with a reference to XXXTENTACION (2:25)

Lil Uzi Vert, Oprah Winfrey, Kehlani, and Tiffany Haddish (2:42)

Lil Yachty and Charlamagne (2:45)

Gucci Mane (2:49)

Snoop Dogg, Dr. Dre, Diddy, Wiz Khalifa and JAY-Z (2:51)

Ball Brothers and Young Thug (2:58)

Meek Mill, 2 Chainz, Pusha T, and Lil Wayne (3:01)

Rae Sremmurd and J. Cole (3:03)

Janelle Monaé and Tessa Thompson (3:11)

Chris Brown (3:29)

• Outkast (Big Boi and Andre 3000) (3:39)

Rihanna (3:47)

Whitney Houston (3:54)

Michael Jackson (4:04)

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here