James Cameron critica 2001: Odissea nello spazio: “è troppo sterile”

James Cameron, il famoso regista di Titanic, dice la sua su 2001: Odissea nello spazio e spiazza tutti per la sua controversa opinione.

James Cameron è noto per non avere peli sulla lingua e molto spesso il suo punto di vista non passa inosservato e apre accesi dibattiti. Ultima dichiarazione ad aver sollevato gli animi riguarda nientepopodimeno che 2001: Odissea nello spazio. Il capolavoro di Stanley Kubrick, che quest’anno ha compiuto cinquant’anni (qui il nostro articolo celebrativo), sembra far sorgere nel regista di Titanic sentimenti contrastanti, ecco cosa ha dichiarato in un’intervista rilasciata a The Star:

“Non è un film che mi piace, è un film che amo. Quando dico che non mi piace, intendo che non mi piace la sensazione che lascia il film. Non mi piace che sia così sterile. A me piacciono i film che abbiano un po’ più di palle dal punto di vista delle emozioni, ne ho bisogno per immedesimarmi. Come opera d’arte, io amo 2001. Ha avuto un impatto enorme su di me a un certo punto della mia vita. Lo vidi cinque giorni dopo l’uscita nelle sale nell’estate del ’68, l’ho guardato dalla prima fila della galleria, mi sembrava di cadere nello Star Gate!”

Pertanto, James Cameron pur riconoscendo l’importanza della pellicola non ne condivide, però, la parte emotiva. Siete d’accordo? O il regista avrebbe dovuto approfondire di più il suo punto di vista?

Diteci la vostra!

Intanto, restate in attesa per la versione in 70mm di 2001:Odissea nello spazio. Quest’ultima verrà presentata da Christopher Nolan alla prossima edizione del Festival di Cannes e verrà distribuito per un breve periodo nei cinema di tutto il mondo.

 

Credit: Indiewire