Hans Zimmer e la tecnica che lo ha portato agli Oscar

Il segreto usato in Dunkirk

2
2230

Scopriamo il segreto di uno dei compositori più amati degli ultimi anni.

Spesso negli anni vedendo il sempre amato Hans Zimmer tra i nomi dei candidati ai Grammy, Golden Globe e agli Oscar, ci siamo chiesti più volte quale sia il suo segreto, oltre ad un ovvio talento naturale.

Egli infatti ha creato musiche per film di ogni genere, riuscendo sempre a lasciare una impronta personale rendendo film memorabili ancora più vicini alla perfezione. Basta ricordare Il Gladiatore, Il Re Leone, Sherlock Holmes, Interstellar, Inception fino ad arrivare a Dunkirk, che lo porta ad essere nominato agli Oscar. Così studiando proprio questo ultimo esempio abbiamo trovato una tecnica alla quale Hans Zimmer si è affidato più volte: la scala Shepard (Shepard Tone).

Essa prende il nome dallo psicologo che l’ha creata, Roger Shepard, ed è l’esempio di canone eternamente ascendente. Esso, usato in modo appropriato, crea un senso continuo di tensione, dando l’impressione di un crescendo continuo anche se in realtà è solo un’ illusione. Andando leggermente più nello specifico questo effetto è creato da una singola scala musicale, suonata contemporaneamente su tre ottave differenti.

Così quella più in alto (verde) è la più acuta e quella più in basso (azzurra) la meno acuta. Inoltre la scala di colore verde ha un volume che diminuisce, quella azzurra aumenta e quella centrale rossa resta invariata.

Tutto questo crea nello spettatore l’effetto sopra citato.

E’ una soluzione tanto semplice quanto efficace. Anche per questo è amata anche da Christopher Nolan che ha voluto inserirla nella realizzazione di molte scene della sua trilogia del Cavaliere Oscuro. Una tra le più memorabili vede come protagonista il Joker che fa irruzione alla festa dello stesso Bruce Wayne.

Ovviamente essa trova spazio anche nella musica. Il suo principio è stato usato dai Pink Floyd, nell’album Meddle, ed anche dai Beatles nel brano I Am the Walrus.

La scala Shepard quindi è molto amata al giorno d’oggi, ma anche in passato era molto apprezzata, basta pensare che possiamo ritrovarla anche nella Offerta Musicale di Bach.

Tutto questo, unito indubbiamente ad un lavoro impeccabile, ha portato Dunkirk ad essere tanto acclamato dalla critica. Così Hans Zimmer continua a dimostrare la sua bravura e mai banalità, tenendoci con il fiato sospeso fino alla tanto attesa notte degli Oscar per vedere se riuscirà ad aggiudicarsi per la seconda volta la statuetta.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here