The Boys, Starr parla della genitorialità di Patriota

Parlando con Screen Rant, Antony Starr ha riflettuto sul concetto di genitorialistà in Patriota, personaggio da lui interpretato in The Boys

the boys
Condividi l'articolo

Parla Antony Starr, Patriota di The Boys

Seguiteci sempre anche su LaScimmiaPensa e iscrivetevi al nostro canale WhatsApp!

Il prossimo 13 giugno arriverà su Prime Video la quarta stagione di The Boys, amatissima serie TV con protagonsiti Karl Urban e Antony Starr (qui il trailer).  Si tratta sicuramente di uno degli show più attesi dell’anno che, nel corso degli episodi,ha portato in scena alcuni momenti davvero estremi, molti dei quali aventi come protagonista Patriota, il villain principale della serie interpretato da Antony Starr. 

Si tratta sicuramente di uno dei personaggi più negativi dell’intero show. E nella nuova stagione dovrà affrontare la genitorialità e il rapporto con suo figlio Ryan. Parlando di questo con Screen Rant, l’attore ha detto che le motivazioni di Patriota nel crescere Ryan sono più egoistiche che mai.

Come affronta la paternità? Patriota? – riflette Starr. Penso che sia una cosa interessante. Non molto tempo fa mi sono reso conto di quanto sia egoista riguardo all’intera faccenda. Ho sempre visto il suo implorare Soldatino di confermarlo come figlio come un disperato bisogno di connessione e approvazione 

La terza stagione di The Boys ha visto Patriota essere molto protettivo nei confronti di suo figlio Ryan, ma Starr ha detto che questo non è certo migliore del modo in cui ha trattato chiunque dei Sette.

LEGGI ANCHE:  The Boys: perché la Chiesa della Collettività è ossessionata dalla Fresca

Questa stagione, se la guardi bene, è molto egoisticamente incentrata sull’eredità e su ciò che vuole che sia suo figlio. Ed è un modo molto manipolatorio

Starr ha anche confermato che Patriota nel profondo vuole bene a Ryan, ma il conflitto interno gli impedisce di essere un padre capace.

C’è indubbiamente dell’amore genuino con Ryan, ma è tutto mescolato a scelte orribili. Non sarà mai il padre dell’anno, ma sarò interessante da guardare

Che ne pensate?