True Detective 4: il paese della notte rimane in ombra | RECENSIONE

True Detective
Condividi l'articolo

La quarta stagione di True Detective è un’altra occasione sprecata: temi importanti, toni forti ma “non vengono poste le domande giuste”. La nostra recensione

La quarta stagione di True Detective, ambientata tra i ghiacci dell’Alaska, segue le indagini delle agenti Danvers (Jodie Foster) e Navarro (Kali Reis) mentre investigano sulla misteriosa morte in mezzo alla neve di un gruppo di ricercatori. Le vicende portano le due a rimestare nelle torbide acque dell’isolata cittadina di Ennis, e quasi letteralmente.

Ai confini del mondo e in un luogo della Terra in cui per sei mesi all’anno fa sempre buio, le poliziotte disvelano un complotto dai tratti innaturali e surreali ma la cui messa in atto è molto concreta e include un movente sociale, culturale e politico. I sei nuovi episodi della serie centrano perfettamente una serie di questioni urgenti, affrontandole di petto e sollevando istanze importanti.

I due fronti contrapposti sono quelli noti: le istituzioni, le aziende e la polizia, che si danno al malaffare con l’alibi di uno scopo nobile; e i nativi e poveri lavoratori del luogo, fortemente danneggiati dall’inquinamento e dalle attività della fabbrica e del centro ricerca, conniventi con uno scopo comune ma a porte chiuse. Alto contro basso, disonesto contro onesto.

LEGGI ANCHE:  True Detective: Jodie Foster tra i ghiacci artici nel primo Teaser della serie [VIDEO]
image 211

Nel mezzo Liz ed Evangeline, la strana coppia continuamente in disaccordo ma perfettamente d’accordo quando conta davvero, incastrate tra i dovere professionale e l’obbligo morale, che tuttavia sembrano entrambe sapere bene e fin dall’inizio dov’è che l’ago della bussola sta puntando. Ci vuole loro solo una piccola sconvolgente odissea per decidersi a seguire la direzione giusta.

Quello che purtroppo è poco riuscito in questa stagione è la mancanza di approfondimento di quella dimensione spirituale, della metaforica figura ancestrale di una “lei” che non assume mai forma ma, come in un romanzo di Stephen King, parla attraverso i morti, le voci e le visioni, e sembra decidere i destini di esseri umani molto più piccoli di essa al fine di portare a una giustizia altrimenti irraggiungibile.

La chiave della stagione si ritrova nel momento in cui Evangeline assicura a Liz: “C’è qualcosa molto più grande di tutto questo”, e il riferimento è a quella intangibile dimensione che è il “paese della notte”, il Night Country: non solo l’Alaska notturna, ma qualcosa di più indefinito che si nasconde nel buio e nel mistero, tra i ghiacci impenetrabili dove gli umani non osano mettere piede.

image 212

Una dimensione esplorata solo parzialmente, tra fugaci visioni, momenti surreali e la spiazzante sigla con musica di Billie Eilish. Ma il resto è molto più concreto: i drammi familiari e gli scontri generazionali e sociali messi in scena sono puntuali per il 2024 ma sottraggono ancora una volta alla serie tutto quel potenziale “mystery” che aveva fatto la fortuna della prima storica stagione.

LEGGI ANCHE:  True Detective 4: ecco il Trailer ufficiale della nuova stagione [VIDEO]

In altre parole, il finale è intuibile fin dal primo episodio e la vittoria morale (che viene presentata come tale, ma andrebbe perlomeno messa in discussione) infine conquistata lascia un senso di insoddisfazione per la mancata occasione di affrontare tematiche più impegnative: c’è nel mondo, ancora, qualcosa che non possiamo capire e che va al di là della nostra comprensione?

Una forza primordiale, un’entità astratta, una realtà inconoscibile: True Detective 4 sfiora il velo di questi concetti ma senza mai attraversarlo, sfruttandoli occasionalmente più come connubio e contorno, limitando gli scenari horror e incentrando tutto sulla forza di carattere delle due protagoniste. L’unica novità: a differenza dei personaggi delle stagioni precedenti, stavolta le due ne escono senza dubbi e con una ritrovata fermezza nelle loro convinzioni.

Se questo sia un bene, visto il finale, a voi deciderlo. Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa