Angelina Mango: La Noia, testo e significato della canzone che ha vinto Sanremo 2024 [VIDEO]

Angelina
Condividi l'articolo

“È la cumbia della noia”: vi piace la canzone di Angelina Mango che ha vinto il Festival di Sanremo? Ascoltatela con attenzione perché è più profonda di quel che pensate!

La Noia è la canzone di Angelina Mango che ha trionfato a Sanremo 2024: già tra i brani più ascoltati in questi giorni, s’è distinta tra le trenta proposte in gara grazie al contributo di Madame e Dardust, che hanno scritto il brano assieme alla talentuosa figlia del compianto cantautore Giuseppe Mango, scomparso nel 2014.

La Mango ha incantato tutti con questo brano ritmato, colorato ma anche complesso e profondo fin dalla prima sera. Ma di cosa parla veramente La Noia? Proprio di questo: della noia come condizione esistenziale moderna, contro la quale disperatamente combattere o, al limite, arrendersi e farci un ballo: la cumbia della noia.

Il testo

Quanti disegni ho fatto
Rimango qui e li guardo
Nessuno prende vita
Questa pagina è pigra
Vado di fretta
E mi hanno detto che la vita è preziosa
Io la indosso a testa alta sul collo
La mia collana non ha perle di saggezza
A me hanno dato le perline colorate
Per le bimbe incasinate con i traumi
Da snodare piano piano con l’età
Eppure sto una pasqua guarda zero drammi
Quasi quasi cambio di nuovo città
Che a stare ferma a me mi viene
A me mi viene
La noia

LEGGI ANCHE:  Sanremo 2024, legale contro voto Stampa: "Discriminatorio"

Muoio senza morire
In questi giorni usati
Vivo senza soffrire
Non c’è croce più grande
Non ci resta che ridere in queste notti bruciate
Una corona di spine sarà il dress-code per la mia festa
È la cumbia della noia
È la cumbia della noia
Total

Quanta gente nelle cose vede il male
Viene voglia di scappare come iniziano a parlare
E vorrei dirgli che sto bene ma poi mi guardano male
Allora dico che è difficile campare
Business parli di business
Intanto chiudo gli occhi per firmare i contratti
Princess ti chiama princess
Allora adesso smettila di lavare i piatti


Allora scrivi canzoni?
Si, le canzoni d’amore
E non ti voglio annoiare
Ma qualcuno le deve cantare
Cumbia, ballo la cumbia
Se rischio di inciampare almeno fermo la noia
Quindi faccio una festa, faccio una festa
Perché è l’unico modo per fermare
Per fermare
Per fermare, ah
La noia

Il significato

“La vita umana è come un pendolo che oscilla incessantemente tra il dolore e la noia”, diceva nientemeno che Arthur Schopenhauer. Ed è così che si può riassumere il significato del testo intelligente scritto da Angelina assieme a Madame (su produzione superlativa di Dardust, che come sempre si distingue tra i migliori producer italiani).

La cantante parla di come è difficile trovare un equilibrio tra noia e sofferenza, nella tentazione di abbandonarsi a una o all’altra, portando con sé il peso delle proprie esperienze (“A me hanno dato le perline colorate / Per le bimbe incasinate con i traumi“), delle necessità lavorative (“Business parli di business / Intanto chiudo gli occhi per firmare i contratti“) e della condizione femminile in costante evoluzione (“Princess ti chiama princess / Allora adesso smettila di lavare i piatti“).

LEGGI ANCHE:  Sanremo 2024: la classifica Top 5 dopo la seconda serata [LISTA]

Persino, c’è il senso di colpa per quei momenti rari di pura felicità e soddisfazione, che in quest’epoca paiono rubati e vengono prontamente invidiati dal prossimo: “Quanta gente nelle cose vede il male / Viene voglia di scappare come iniziano a parlare / E vorrei dirgli che sto bene ma poi mi guardano male / Allora dico che è difficile campare“. Cosa rimane? “Le canzoni d’amore / E non ti voglio annoiare / Ma qualcuno le deve cantare“.

Musica e il resto scompare, insomma, come cantava qualcuno qualche Sanremo fa. Ed ecco quindi che Angelina si inventa la cumbia della noia: la cumbia è un tipo di ballo latino-americano, che si lega principalmente alla cultura della Colombia e di Panama. L’idea della cantante è quindi quella, molto acuta, di prendere la noia e farne musica, per sfuggire alla noia stessa. Ascoltate il pezzo con attenzione, e forse potrete riuscirci anche voi!

Il video

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa