Saw 11 è stato ufficialmente annunciato [FOTO]

Attraverso i social, Lionsgate ha annunciato l'arrivo, nel 2024, di Saw 11, nuovo capitolo della celeberrima saga horror

Condividi l'articolo

Saw, celeberrima saga horror iniziata nel 2004 con il primo capitolo diretto da James Wan, è uno dei franchise più redditizi della storia del cinema. L’ultimo capitolo, uscito lo scorso anno, ha incassato oltre 100 milioni di dollari a fronte di solo 13 di budget ed è stato anche apprezzato da critica e pubblico. Per questo movito Lionsgate ha deciso di annunciare un nuovo capitolo e per farlo si è rivolta ai social.

Il gioco continua – si legge nel post con la didascalia che annuncia la data d’uscita, 27 settembre 2024

Saw X ha visto Tobin Bell riprendere il suo ruolo leggendario di John Kramer/Jigsaw ed è ambientato tra il primo e il secondo film. La trama ha visto Kramer andare in Messico per ricevere un trattamento sperimentale contro il cancro, tuttavia era tutta una grande truffa e la salute del serial killer non era migliorata. In perfetto stile Jigsaw, ha quindi cercato vendetta su tutte le persone coinvolte nel trattamento scadente.

LEGGI ANCHE:  Saw: Legacy. Jigsaw è tornato!

Si può dunque ipotizzare che questo nuovo film potrebbe essere nuovamente collocato tra il primo e il secondo mentre vediamo cosa succede quando Kramer scappa con Amanda e Carlos. Tuttavia, per ora, non abbiamo nessuna certezza.

Il produttore di Saw X, Mark Burg, ha detto a Dexerto che era disponibile a far andare avanti il ​​gioco per un po’.

Saw X finisce dove penso che il pubblico vorrà sapere cosa succede, e c’è una specie di finale cliffhanger – ha detto. E c’è una scena fantastica alla fine dei titoli di coda, quindi speriamo che la gente resti qui. Ci sono un paio di Easter Egg, un paio di sorprese in questo film. E, se questo film dovesse funzionare, ci saranno un gruppo di attori del passato che hanno già chiamato per sapere se possono essere nel prossimo dato che torneremo indietro nel tempo.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa