Paul Schrader sostiene Spacey: “Certo che ci lavorerei”

Parlando con The Independent, Paul Schrader ha mostrato la sua vicinanza a Kevin Spacey

Paul Schrader
Credit: YouTube/Paul Schrader, Writer/Director, Taxi Driver | DePaul VAS
Condividi l'articolo

Paul Schrader, celeberrimo regista e sceneggiatore autore di capolavori come Taxi Driver è da sempre un forte detrattore della cosiddetta cultura woke e della cosiddetta cancel culture. Recentemente si è seduto a chiaccherare con The Independent, dove ha dato la sua opinione sull’argomento, in particolare sul movimento #MeToo.

C’è stato un momento nel movimento #MeToo in cui se una donna accusava un uomo di qualcosa, era di fatto vero – dice Paul Schrader. Ora la situazione è tornata indietro. Se c’è qualcuno che accusa [un attore di violenza sessuale], la maggior parte delle donne dirà: “Esaminiamo questo e vediamo cosa è successo”. [L’accusatore] non dice automaticamente la verità

Schrader ha poi continuato spiegando di non aver paura di essere cancellato lui stesso.

Bisognerebbe preoccuparsi perché è possibile farlo con poche prove – afferma. Soprattutto al culmine del movimento #MeToo, tutto ciò di cui c’era bisogno era che qualcuno ti puntasse un dito contro con le altre persone che dicevano: “Certo che è [colpevole]”. Fortunatamente, non ho fatto nulla per meritarmelo e nessuno mi ha odiato abbastanza da farlo.

Andando avanti il regista ha parlato anche di Kevin Spacey, recentemente giudicato non colpevole per i crimini sessuali di cui era stato accusato (qui i dettagli) ma che manca oramai dai grandi palconoscenici da molti anni .Per anni, Schrader ha espresso il suo desiderio di lavorare con l’attore di American Beauty, sentimento rafforzato dagli ultimi sviluppo giudiziari.

LEGGI ANCHE:  Kevin Spacey: una fonte afferma "si prenderà del tempo per curarsi"

La gente ha risposto come se avessi detto che avrei preso a calci un senzatetto – dice Paul Schrader. Voglio dire, Kevin Spacey è un grande attore. Ha vinto due Oscar. È stato dichiarato non colpevole. Perché non dovrei lavorare con lui?

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa