Quentin Tarantino ospite del prossimo Festival di Cannes

Quentin Tarantino sarà ospite del prossimo Festival di Canne dove presenterà una "proiezione segreta"

Quentin Tarantino
Tarantino in una famosa scena di Pulp Fiction
Condividi l'articolo

Il prossimo 16 maggio inizierà a Cannes il celebre Festival del cinema transalpino. Tra i molti cineasti che vi prenderanno parte ci sarà anche Quentin Tarantino che presenterà una “proiezione segreta” durante una delle ultime serate della manifestazione. Oltre alla proiezione, il regista condividerà le sue teorie sulla “contro-storia del cinema” sulla Hollywood degli anni ’70. 

L’evento, considerato dalla manifestazione come una “controprogrammazione di film dallo spirito libero provenienti da tutto il mondo”, riconosce e celebra un periodo della storia di Hollywood in cui i cineasti hanno sfidato l’industria, spingendo i confini e accogliendo una nuova generazione di talenti in erba. 

Recentemente  Quentin Tarantino ha annunciato di aver terminato la sceneggiatura del suo decimo film, The Movie Critic, pellicola che si svolgerà nel 1977 in una delle ere più importanti della sua crescita cinematografica. Parlando col giornale francese France Inter in occasione della presentazione a Parigi del suo libro Cinema Speculation, il regista di Pulp Fiction, ha ribadito la sua insofferenza nei confronti della situazione del cinema attuale.

LEGGI ANCHE:  Quentin Tarantino: fissata la data di uscita del suo prossimo film

Credo che nel cinema sia così, a Hollywood è ciclico, va e viene. Secondo me le cose cambieranno, in meglio. Non dico di buttare via tutto: si potrebbe dire che in un decennio che si considera un deserto creativo, ci sono ancora alcuni film che sfondano il soffitto di vetro, che non sono conformi alla norma. Questo li rende ancora più preziosi

Il cineasta ha costantemente promesso di smettere di fare film a 60 anni, un’età che ha appena raggiunto. Nel corso della stessa intervista ha confermato che “il suo prossimo film sarà sicuramente il suo ultimo film per il cinema”.

Dopo, farò libri, serie TV, opere teatrali… Ma al cinema getterò la spugna.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa