Jenna Ortega: “Da bambina facevo autopsie su animali morti”

Jenna Ortega, parlando con The Wired, ha rivelato che da bambina eseguiva autopsie sugli animali morti

novità netflix
Condividi l'articolo

Jenna Ortega è l’attrice del momento. Con il gigantesco successo di Mercoledì, la giovane attrice californiana sta riscuotendo consensi da ogni dove. E, ovviamente, sta rilasciando decine di interviste. In una di queste, parlando con The Wired, ha rivelato alcuni dettagli interessanti della sua vita quando le è stato chiesto di riflettere sulla sua amicizia con Maddie Ziegler.

È una delle mie più grandi amiche di sempr – ha detto. È una persona con cui ho subito fatto clic. Abbiamo fatto un film intitolato The Fallout  un paio di anni fa, e mi sento come se io e Maddie fossimo la stessa persona con caratteri diversi.

Jenna ha continuato a elaborare condividendo un’abitudine precedente che pensa la collochi fermamente nella categoria degli strani.

Lei è una persona così strana e io sono una persona strana nel modo in cui facevo le autopsie sui piccoli animali quando ero più giovane. Piccole lucertole che trovavo che erano morte nel mio cortile. Lei è strana nel senso che si scatena quando interpreta i suoi personaggi o con i suoi movimenti o fa smorfie. Il suo tempismo comico è così sottovalutato. Mi fa ridere. Ci divertiamo. Siamo davvero strane insieme.

In un’altra intervista, questa volta con The Face, Jenna Ortega ha invece parlato della sua connessione con i serial killer.

LEGGI ANCHE:  Mercoledì, Jenna Ortega non ha chiesto consigli a Ricci

C’è un filo invisibile che è lega a serial killer, mostri, creature e me stessa. Non importa dove vado. Sento che è qualcosa che è sempre stato attraente per me sin da quando ero più giovane, qualcosa che mi è sempre piaciuto. È questo è ciò che mi sembra giusto e tende a finire nelle sceneggiature che mi piacciono. Amo le cose che sono un po’ scoraggianti, le cose che più guardi da vicino, in realtà non sono poi così belle. Amo le cose che disturbano. Sono interessanti e ci sono così tanti percorsi e varianti di narrazione che puoi fare con cose del genere. Inoltre, interpretare un personaggio che è sempre in una posizione di vittima, è una bella sfida per me perchè devo dare loro una personalità che li renda diversi l’uno dall’altro.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa