Mad Heidi: Recensione del film di Hartmann e Klopfstein | Trieste Science + Fiction Festival

Vince il Premio del pubblico di Trieste Science + Fiction Festival 2022 la delirante "Swissploitation" di Mad Heidi. Ecco la nostra recensione.

Mad Heidi
Condividi l'articolo

Anche quest’anno Trieste Science + Fiction Festival ha selezionato per noi il meglio dell’underground internazionale in terminni di Sci-Fi, Horror e Fantasy. E a vincere il Premio del pubblico non poteva che essere il debordante, divertentissimo Mad Heidi di Johannes Hartmann e Sandro Klopfstein, primo esemplare di Swissploitation mai prodotto.

Il Festival prosegue ora in versione online attraverso SciFiClub.it, la piattaforma disponibile all’interno dell’abbonamento MYmovies ONE. Dal 7 al 13 novembre verranno aggiunti nuovi titoli originali in esclusiva per il pubblico in streaming, insieme alle repliche dei cortometraggi ed un Best of dalle passate edizioni di Trieste Science + Fiction Festival.

Quanto al nostro Mad Heidi, niente paura. Si tratta infatti di un film totalmente indipendente, dalla produzione alla distribuzione. Finanziato attraverso il crowdfunding, nei paesi dove non è previsto il passaggio in sala, come l’Italia, il film sarà comunque reso disponibile dagli autori il prossimo 8 dicembre direttamente sul sito madheidi.com

E noi non possiamo che consigliarvi di divertirvi con questa sanguinaria Heidi in versione sovversiva, creata da due registi, Johannes Hartmann e Sandro Klopfstein, che non hanno alcuna remora a presentarsi semplicemente come “exploitation film nerds”.

Mad Heidi: La trama

In un futuro distopico la neutrale Svizzera è passata sotto la dittatura neonazista del Presidente Meili (Casper Van Dien). Il Formaggio Meili è l’unico cibo ammesso a livello nazionale, mentre gli intolleranti al lattosio sono considerati nemici dello stato, con tanto di numero verde per le segnalazioni anonime alla polizia politica.

LEGGI ANCHE:  Trieste Science + Fiction Festival 2021: I film da non perdere

Il fidanzato di Heidi (Alice Lucy), Goat Peter (Kel Matsena) è un ribelle impegnato proprio nel traffico di cibi proibiti. Viene così catturato e giustiziato proprio sotto gli occhi di Heidi, a sua volta arrestata e condotta in un centro carcerario progettato per la rieducazione delle ragazze sovversive.

Qui Heidi affronta stoicamente le torture, scopre il proprio lato più sanguinario e progetta di coinvolgere le sue compagne di detenzione in un progetto di definitiva rivolta alla dittatura di Meili.

Mad Heidi: Recensione

Mad Heidi
Dopo l’anteprima di Trieste Science + Fiction Festival potrete vedere Mad Heidi dall’8 Dicembre sul sito www.madheidi.com

Tra distopia, splatter, commedia nera, humour demenziale e un dichiarato debito di gratitudine al cinema di Russ Meyer e Quentin Tarantino, i prodi Johannes Hartmann e Sandro Klopfstein danno fuoco alle polveri dell’immaginario Exploitation, procedendo ad una inedita rivisitazione in chiave smaccatamente svizzera.

Tra torture al formaggio fuso, caprette e bellissime ribelli assetate di vendetta, prende vita cosi la Swissploitation, un autentico cortocircuito post-moderno che pesca a piene mani dalla gloriosa tradizione dei B-Movies della Troma Video e arriva a Faster Pussycat, kill kill! di Russ Meyer, Grindhouse e Kill Bill di Quentin Tarantino.

LEGGI ANCHE:  Mortal, Recensione - la mitologia nordica secondo André Ovredal | TSFF20

Oltre al lato più demenziale della Nazisploitation il film celebra così la bellezza delle pin-up rivisitate in chiave Gore. Anti-eroine che menano fortissimo, come naturalmente la protagonista Heidi, interpretata dall’esordiente Alice Lucy, acclamata dal pubblico di Trieste Science + Fiction Festival con una vera e propria ovazione a fine anteprima.

D’altra parte, sul lato oscuro di Heidi e il suo ambiguo rapporto con Peter, il nonno e perfino l’amichetta Clara la cinematografia porno si era già espressa. Qui, Hartmann e Klopfstein la celebrano finalmente come donna adulta, indomita, sexy e ironicamente vetero-femminista, in rotta di collisione con i nazisti del formaggio.

Il risultato è un film che diverte come promette, pronto a rilanciare la posta sequenza dopo sequenza, attraverso invenzioni narrative e visive sempre più deliranti, provocatorie e assurde, che pure non annoiano dal primo all’ultimo fotogramma.

Senza dubbio un gran finale per Trieste Science + Fiction Festival 2022, nonché uno dei nostri titoli preferiti insieme al perturbante secondo horror di Paolo Strippoli, Piove, e il melanconico New Religion di Keishi Kondo. Per tutte le news dai migliori Festival cinematografici, continuate a seguirci!

Mad Heidi: Il cast

Alice Lucy: Heidi

Casper Van Dien: President Meili

Rebecca Dyson-Smith: Lutz

Katja Kolm: Fräulein Rottweiler

Max Rüdlinger: Kommandant Kn

Mad Heidi: Trailer ufficiale