Lawrence: “Dopo Hunger Games mi sono sentita un oggetto”

Ospite del London Film Festival Jennifer Lawrence ha palato del suo disagio a seguito di aver girato Hunger Games

Jennifer Lawrence
Condividi l'articolo

Jennifer Lawrence è una delle attrici più amate al mondo. Dopo essere divenuta celeberrima con il suo lavoro in Hunger Games e dopo aver vinto un Oscar con Il Lato Positivo è divenuta una delle star più ambite al mondo. Tuttavia il grande successo avuto le ha portato anche qualche disagio. Ospite infatti del London Film Festival, dove ha presentato il suo nuovo film Causeway, l’attrice ha infatti parlato della situazione in cui si trovava dopo aver trionfato agli Academy Awards.

Tra l’uscita di Hunger Games e la vittoria dell’Oscar ho perso il controllo – ha detto. Mi sono sentita come fossi un oggetto, sentivo come se ogni decisione fosse una decisione di grande, grande gruppo, non mia. Perché non avevo idea di cosa avrebbe fatto una grande star del cinema o di cosa avrebbe fatto Katniss Everdeen. Quando rifletto ora, penso agli anni successivi a quel momento come ad una perdita di controllo e a un successivo sforzo per tornare indietro. Sono così felice che alla fine dei miei 20 anni, mi sona fermata e ho apportato alcuni cambiamenti importanti, e ho ripreso il controllo.

Nella stessa intervista Jennifer Lawrece ha parlato anche del perchè non vuole più prendere parte ad un franchise. L’attrice infatti, dopo esere stata protagonista di Hunger Games è anche stata volto di Mistica nella seconda saga cinematografica degli X-Men. Tuttavia ha deciso di non prendere più parte ad opere simili.

LEGGI ANCHE:  Don't Look Up, Leonardo DiCaprio e Jennifer Lawrence nel trailer [VIDEO]

I franchising sono così divertenti. Non potrei mai farne uno ora perché sono semplicemente troppo vecchio e fragile”. 

Questa non è certo la prima volta che la Lawrence parla di come Hunger Games abbia cambiato la sua vita. Nel 2020, parlando con NPR aveva infatti raccontato del cambiamento irreversibile che il suo corpo ha subito per girare quei film.

Mi è davvero piaciuto il tiro con l’arco. Avevo un istruttrice straordinaria, Khatuna Lorig. Era georgiana – aveva detto all’epoca. Era un’eccellente istruttrice, molto, molto severa. Se fossi fuori forma, anche oggi, mi tirerebbe l’orecchio. Non lasciava passare davvero niente. Ha cambiato totalmente il mio corpo. È stato così pazzesco, quando sono tornato per il montaggio del secondo film , le mie spalle erano 5 centimetri più larghe e il mio braccio destro era 2 centimetri più lungo del mio braccio sinistro, in modo permanente, immagino. Ma mi sono divertita davvero molto.

Che ne pensate?