Il prossimo James Bond sarà un veterano di almeno 30 anni

Il produttore di lunga data di James Bond Michael G. Wilson ha spiegato che il prossimo interprete sarà un attore di almeno 30 anni

James Bond 007 no time to die
Condividi l'articolo

Da quando al cinema è arrivato No Time to Die, ultimo film nel quale Daniel Craig ha vestito i panni di James Bond è cresciuta in tutto il mondo l’attesa per scoprire chi sarà il nuovo 007. Sono moltissimi i nomi che circolano. Tuttavia, come sappiamo, non è un ruolo per tutti. Come ormai tradizione sarà infatti un attore obbligatoriamente britannico e inoltre il limite massimo di età voluto dalla produzione ha tagliato fuori alcuni dei nomi più desiderati dal pubblico, come Tom Hardy e Idris Elba. Tuttavia questa imposizione relativa all’età non limita l’accesso al ruolo solo agli attori troppo grandi, ma anche troppo giovani. Come infatti rivelato dal produttore di lunga data di James Bond Michael G. Wilson durante un evento al British Film Institute per commemorare il 60° anniversario del personaggio, il nuovo attore non potrà scendere sotto i 30 anni d’età, cosa che restringe moltissimo il capo, lasciando fuori dai giochi anche artisti papabili per il ruolo come Tom Holland.

LEGGI ANCHE:  007, la produttrice fa chiarezza: "James Bond sarà ancora un uomo"

Abbiamo provato a guardare i giovani in passato – ha detto Wilson, tramite Deadline. Ma se proviamo a visualizzarlo non funziona. Ricordatevi, Bond è già un veterano. Ha avuto una certa esperienza. È una persona che ha attraversato le guerre, per così dire. Probabilmente è stato nel SAS o qualcosa del genere. Non è un ragazzo del liceo che puoi portare dentro e farlo iniziare. Ecco perché funziona per un trentenne

Wilson ha anche condiviso che ogni aspirante Bond deve fare un provino recitando una scena di “Dalla Russia con amore“, film del 1963 con protagonista Sean Connery. La sequenza include Bond che affronta il membro militare sovietico Tatiana Romanova quando è nel suo letto, indossando solo una collana girocollo.

Usiamo sempre la stessa scena, ed è quella in “Dalla Russia con amore” in cui Bond torna nella sua stanza dopo l’assassinio, inizia a togliersi la maglietta ed entra nella stanza per fare il bagno. Poi sente qualcosa, prende la pistola, entra e la ragazza è nel letto – ha detto Wilson. Quello è il test che usiamo. Chiunque riesca a portare quella scena è giusto per Bond. È difficile da fare.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Fleming: come è nato il mito di James Bond? Ve lo racconta questa fantastica miniserie