Eminem ha citato Jeffrey Dahmer in tre diverse canzoni

Nell'arco della sua carriera Eminem ha citato per ben tre volte Jeffrey Dahmer. Ecco in quali occasioni

Eminem
Credits: EminemMusic / YouTube
Condividi l'articolo

Le terribili azioni di Jeffrey Dahmer, il Cannibale di Milwaukee, sono tornate in auge in questo periodo grazie a Mostro – La storia di Jeffrey Dahmer, miniserie Netflix con protagonista un meraviglioso Evan Peters (qui la nostra recensione). Tuttavia i suoi atroci crimini avevano già fatto breccia nella cultura pop tra film, documentari e anche musica. Eminem infatti lo cita in addirittura tre canzoni.

Le prime due fanno parte dell’album Relapse del 2009. Si riferisce a Dahmer infatti sia in Bagpipes from Baghdad che in Must Be The Ganja.

With that Latin hunk Luis Miguel / Nick Cannon better back the f*** up… / Zap and Eric Clapton shaft brings Abba crunk… / I cut you like Dahmer, pull a butcher knife on ya – canta nel primo brano

I’m admittin’ I’m beginnin’ to feel like I don’t think anyone’s real / Faced with a dilemma: I can be Dalai Lama / And be calm or bring drama, a step beyond of Jeffrey Dahmer – si sente invece nel secondo

Eminem cita per la terza volta il serial killer nel brano del 2013 Brainless, quando dice

LEGGI ANCHE:  A Noel Gallagher non piacciono le canzoni di Eminem sulla droga

Just think if I had a brain in it, thank God that I don’t, cause I’d probably be Dahmer, ’cause mama

Questo è solamente un esempio per mostrare l’incredibile impatto che ha avuto Jeffrey Dahmer sulla cultura pop. Per farsene un’idea ancora maggiore basta ascoltare le parole dello stesso Evan Peters che recentemente ha parlato di come abbia fatto a entrare nella parte.

Ryan [Murphy] mi ha inviato le sceneggiature e poi mi ha chiamato e ha detto: “Dahmer è interessante perchè è quasi dispiaciuto e ha sensi di colpa e una sorta di confusione su ciò che è successo. Non ha un sorriso affascinante e malizioso, è docile, distaccato e quasi dissociato da quello che ha fatto”.

Ho guardato la sua intervista e poi ho letto le biografie. Ho anche ascoltato l’audio di quello che sembra uno psicologo o un detective che lo intervista mentre sta in qualche modo raccontando quello che ha passato, e il modo in cui parla è molto schietto e normale. È stato così sbalorditivo che tutto sia successo che ci è sembrato davvero importante essere rispettosi delle vittime, delle famiglie delle vittime cercando di raccontare la storia nel modo più autentico possibile.

Conoscevate questi brani?

LEGGI ANCHE:  Eminem: "I bianchi nel rap sono solo ospiti"

Seguiteci su LaScimmiaSente

Avatar di Matteo Furina
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.