House of the Dragon: i draghi dei Targaryen potrebbero volare nella realtà? Risponde la scienza

Dragon
Condividi l'articolo

Un esperto di aereonautica e di ingegneria fa i calcoli: se i draghi di House of the Dragon esistessero davvero per come li vediamo nella serie, potrebbero volare?

Siamo ufficialmente entrati in una nuova era di hype in stile Game of Thrones con la serie prequel, House of the Dragon, che in arrivo in Italia su Sky e prodotta negli Stati Uniti da HBO sta riportando in voga il mondo di Westeros dei romanzi di George R.R. Martin. E, come sempre, c’è da ragionarci intorno parecchio.

Anche stavolta come dieci anni fa infatti (e più, vista la crescente influenza dei social), i fan sono pronti a soffermarsi su ogni piccolo particolare di ogni episodio, ai limiti della fissazione. E c’è anche chi, come questo opinionista esperto di aeronautica e di ingegneria, fornisce il suo contributo con riflessioni di carattere puramente scientifico.

Ragiona costui, di nome Guy Gratton: se i draghi che vediamo in House of the Dragon (non dissimili da quelli di Game of Thrones) esistessero effettivamente nella realtà per come li vediamo su schermo, potrebbero volare davvero? E seguono una serie di calcoli e stime matematiche che vi riportiamo.

LEGGI ANCHE:  House of the Dragon: Emily Carey spaventata delle scene di sesso

“Si può stimare la stazza di un drago comparandolo con Daenerys [Targaryen] che sembra essere alta circa 1.60 metri e pesante attorno ai 60 chili. Il corpo del drago sembra essere lungo quattro volte lei e circa due volte largo, con una coda pari alla lunghezza circa del corpo e spessa quanto il corpo di lei [di Dani]”.

A Westeros molto dipenderebbe dalla composizione dei gas nell’atmosfera

“Assumendo che la densità del drago e della donna siano grosso modo le stesse la massa di un drago adulto dovrebbe risultare circa 44 volte quella di Daenerys: attorno ai 2600 chili. Considerando che tutti a Westeros sembrano muoversi come noi sulla Terra, assumiamo che ci sia la stessa forza gravitazionale”.

“Questo pone il peso del drago a 26mila newton ad un’accelerazione nominale di dieci metri al secondo, al secondo [10m/s/s]. Per comprendere l’aerodinamica dei draghi volanti, abbiamo bisogno di più informazioni. Primo, l’apertura alare. Ogni ala sembra estendersi per circa il doppio della lunghezza del corpo del drago, quindi diciamo due rettangoli di 4×8 metri”.

LEGGI ANCHE:  House of the Dragon: Daniel Scott-Smith svela un collegamento con Game of Thrones

“Secondo, la maggior lentezza alla quale un drago può volare in sicurezza prima di cadere. Giudicando dalla serie sembra che la lunghezza del drago venga passata in volo al minimo in tre secondi, il che pone questo valore a 4,3 metri al secondo”. A questo punto l’ingegnere completa varie equazioni basate su questi dati (che vi risparmiamo, ma le potete recuperare qui).

Le conclusioni: l’atmosfera di Westeros è più densa di quella del nostro mondo. A riprova di questo, si sottolinea come lance e giavellotti possano essere scagliati con forza e lontano meglio di quanto farebbero gli atleti olimpici. E quindi ecco la risposta: sì, nel mondo di GOT i draghi potrebbero volare, realisticamente, proprio per via di questo tipo di atmosfera più densa.

Fonte: IFLscience

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa