House of the Dragon, showorunner spiega l’introduzione di personaggi neri

Ryan Condal e Miguel Sapochnik, i due showrunner di House of The Dragon, hanno spiegato i motivi dell'introduzione di personaggi neri

house of the dragon
Condividi l'articolo

Il prossimo 21 agosto arriverà sullo streaming americano House of the Dragon, serie prequel di Game of Thrones ambientata circa 200 anni prima dei fatti che hanno visto coinvolti Jon Snow e soci. Lo show introdurrà la Casa Velaryon, una leggendaria famiglia medievale antica quanto i cavalieri di draghi dai capelli d’argento. I libri li descrivevano generalmente come aventi la pelle pallida, i capelli argentati e gli occhi viola, ma Ryan Condal e Miguel Sapochnik, i due showrunner della nuova serie, hanno modificato le loro origini per includere più persone di colore nel cast.

Il mondo è molto diverso ora rispetto a 10 anni fa quando Game of Thrones è iniziato. È diverso rispetto a 20 anni fa quando Peter Jackson ha realizzato Il Signore degli Anelli . Questo tipo di storie deve essere più inclusivo di quanto tradizionalmente sono state – ha detto Condal a EW sul set di House of the Dragon. Era molto importante per me e Miguel creare uno show che non fosse un altro gruppo di bianchi sullo schermo, solo per dirla in modo molto schietto

Condal dice che è stato un processo iterativo che ha portato alla decisione di fare della Casa Velaryon una Casa di nobili marinai neri, la famiglia più ricca di Westeros a parte la corona. Secondo lo showrruner, anche lo stesso George R.R. Martin aveva avuto quest’idea in passato.

LEGGI ANCHE:  Lena Headey: "Cersei meritava una morte migliore"

Molto, molto tempo fa, quando ha concepito questo mondo, [Martin] stesso aveva preso in considerazione l’idea di fare dei Velaryon una razza di neri con i capelli d’argento che provenivano essenzialmente dall’altra parte dell’oceano per conquistare Westeros. È un’idea affascinante e mi è sempre rimasta impressa perché è davvero cruda. Ho solo pensato: “Beh, perché non potremmo farne una versione adesso?”

Sia Condal che Sapochnik erano fortemente interessati all’idea di presentare una persona di colore in una potente posizione di nobiltà nel contesto della storia. In House of the Dragon, questo è Lord Corlys. Condal spiega che “non volevano farlo in un modo che sembrava fosse un ripensamento o, peggio, un simbolismo”. Volevano anche evitare l’immagine ricorrente di persone di colore che compaiono nelle saghe fantasy come pirati, schiavi e mercenari.

Non è niente di tutto questo – dice Condal. Ho visto persone che mi somigliano sullo schermo in questi tipi di storie di alta fantasia da quando sono nato perché sono un ragazzo bianco. Com’è per tutti gli altri? … Siamo tornati indietro e abbiamo solo guardato la storia e ci siamo detti: “Come possiamo farlo in un modo che possa sembrare come se fosse parte integrante della storia?”

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Game of Thrones 8 vi manderà in psicanalisi