Interpol – The Other Side of Make-Believe | RECENSIONE

Interpol
Condividi l'articolo

Gli Interpol tornano con il loro stile post-punk antico e incrollabile in The Other Side of Make-Believe

The Other Side of Make-Believe è il titolo dell’ultimissimo album degli ormai storici Interpol. Il disco, il settimo nella carriera della band newyorchese, arriva anche a vent’anni di distanza dal loro esordi con l’acclamato Turn on the Bright Lights (2002), uno degli album più importanti della storia del rock e del nuovo millennio.

E dopo tanto tempo, rincuora constatare come Paul Banks e colleghi ancora si rifiutino di scendere a qualunque compromesso. La scena musicale è cambiata, mutata e si è trasformata attorno a loro, ma gli Interpol proseguono indefessi la loro indagine esistenziale musicale sulle note di un post-punk più cupo e introspettivo che mai.

Il nuovo lavoro si presenta forse come più riflessivo, meno chiassoso e meno aggressivo rispetto a Marauder (2018) e soprattutto rispetto all’EP A Fine Mess (2019). Sembra che il periodo della pandemia abbia colpito anche questa band conducendola a suoni più accurati, sfumati e assorti.

LEGGI ANCHE:  Interpol - Nuovo singolo, "The Rover", e nuovo album, "Marauder"

Questo ovviamente nulla toglie alla validità di una tracklist che, ancora una volta, funziona dall’inizio alla fine. Le canzoni più interessanti sono Toni, Into the Night, Mr. Credit, Renegade Hearts e soprattutto Greenwich, quest’ultima molto particolare ed intrigante nella progressione degli accordi.

Chiaro che a questo punto e pure con tutta la buona volontà del mondo non si possa parlare degli Interpol come di una band rivoluzionaria. Anzi: questo stesso album in realtà purtroppo un po’ sfigura rispetto ai lavori odierni di band “giovani” come IDLES, Fontaines D.C. e Sports Team. Le quali però, ed è un po’ questo il punto, senza gli Interpol non potrebbero esistere.

La formazione di New York è infatti la principale responsabile nella ri-scrittura del post-punk nel nuovo millennio e tutte le band del genere che sono venute dopo, e specie quelle dedite ad una variante un po’ “gothic” dello stesso, hanno con gli Interpol un debito impagabile. Come questo stesso The Other Side of Make-Believe conferma, e lo dice un po’ anche il loro nome: gli Interpol sono un’istituzione.

LEGGI ANCHE:  Interpol: a maggio un EP inedito, A Fine Mess

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente

Interpol – The Other Side of Make-Believe / Anno di pubblicazione: 2022 / Genere: Post-Punk
RECENSIONE
VOTO:
Avatar di Andrea Campana
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.
interpol-the-other-side-of-make-believe-recensione Gli Interpol tornano con il loro stile post-punk antico e incrollabile in The Other Side of Make-Believe The Other Side of Make-Believe è il titolo dell'ultimissimo album degli ormai storici Interpol. Il disco, il settimo nella carriera della band newyorchese, arriva anche a vent'anni di...