Al Bano attacca: “Non trovo lavoratori, colpa del Reddito di Cittadinanza”

Durante un’intervista al settimanale Nuovo, Al Bano ha raccontato della sua difficoltà nel trovare dipendenti per la sua tenuta agricola

al bano
Credits: YouTube/Al Bano Carrisi & Romina Power - Hitmedley (Schlagerchampions 13-1-2018) - Years Later
Condividi l'articolo

Continua a infuriare la polemica scatenata dalle parole dei grandi imprenditori italiani che lamentano la mancanza di personale causata, a loro, dire dal Reddito di Cittadinanza. Ultimo a lanciare questo tipo di accusa è stato Al Bano. Il cantante possiede infatti un’azienda agricola nella sua Cellino San Marco per la quale dice di non trovare lavoratori.

La mancanza di manodopera è una realtà drammatica con cui mi scontro ogni giorno con la mia azienda agricola. La colpa? Il reddito di cittadinanza, innanzitutto – spiega in un’intervista al settimanale Nuovo. Bisognerebbe fare come in Germania, dove già a 12 anni i ragazzi dopo la scuola fanno apprendistato nelle imprese

Le parole di Al Bano fanno eco alle dichiarazioni fatte qualche settimana fa da Alessandro Borghese. Lo chef e imprenditore aveva infatti accusato i giovani di scarso impegno e di mancanza di voglia di faticare. Il conduttore di 4 Ristoranti aveva raccontato un recente episodio, quando quattro ragazzi della sua brigata hanno dato forfait all’ultimo minuto e non c’era nessuno disposto a sostituirli.

LEGGI ANCHE:  Paura al concerto di Toto Cutugno in Ucraina

Così a cucinare siamo rimasti io e il mio braccio destro: 45 anni io, 47 lui. I giovani preferiscono tenersi stretto il fine settimana per divertirsi con gli amici. E quando decidono di provarci, lo fanno con l’arroganza di chi si sente arrivato. E la pretesa di ricevere compensi importanti. Da subito – aveva detto. Sarò impopolare, ma non ho alcun problema nel dire che lavorare per imparare non significa essere per forza pagati. Io prestavo servizio sulle navi da crociera con “soli” vitto e alloggio riconosciuti. Stop. Mi andava bene così: l’opportunità valeva lo stipendio. Oggi ci sono ragazzetti senza arte ne parte che di investire su se stessi non hanno la benché minima intenzione. Manca la devozione al lavoro, manca l’attaccamento alla maglia

Cosa ne pensate di queste parole di Al Bano? E di quelle di Alessandro Borghese? Fateci sapere la vostra opinione, come al solito, nei commenti.

Avatar di Matteo Furina
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.