Google mostra il prototipo degli occhiali che traducono in tempo reale

Google ha presentato il prototipo degli occhiali in grado di tradurre in tempo reale ciò che la persone sente

google, occhiali
Credits: YouTube/ Breaking down language barriers with augmented reality | Google
Condividi l'articolo

Il CEO di Google Sundar Pichai ha presentato, durante il vertice degli sviluppatori I/O di Google, un paio di occhiali intelligenti in grado di tradurre le lingue in tempo reale. Sebbene siano ancora solo un prototipo, la società ha suggerito che gli occhiali possono mostrare traduzioni linguistiche in tempo reale alla persona che li indossa. Un breve video, che vi portiamo qui sotto, mostra la grandissime potenzialità di questa tecnologia che si serve della realtà aumentata per tradurre in modo simultaneo quanto viene detto.

Quindi, una persona con indosso questi occhiali potrebbe essere in grado di capire cosa sta dicendo un’altra persona semplicemente leggendo i sottotitoli che appaiono sulle lenti mentre l’altra persona parla. Non è chiaro se gli occhiali arriveranno mai sul mercato, ma il prototipo fornisce un’idea di dove Google pensa che la realtà aumentata possa essere utile.

Come lo stesso CEO Pichai ha spiegato in un post sul blog l’azienda sta lavorando per fare in modo che questi prototipi di occhiali forniscano il linguaggio in un’esperienza visiva. 

LEGGI ANCHE:  Google svela le parole più cercate nel 2020 [FOTO]

L’azienda si è avventurata per la prima volta negli occhiali intelligenti circa un decennio fa, ma Google Glass non era attraente per la maggior parte dei consumatori a causa di un lancio limitato, prezzi iniziali elevati e problemi di privacy. Tuttavia è sembrata non arrendersi. Nel 2020 ha infatti acquisito North, un’azienda sostenuta da Amazon che produceva occhiali intelligenti.

I Google Glass sono comunque vendui al momento esclusivamente ad aziende e altre organizzazioni per uso interno: la compagnia di spedizioni DHL ha affermato nel 2015 che l’uso di questa tecnologia ha migliorato il prelievo degli ordini nei suoi magazzini, perché i lavoratori non avevano bisogno di rimescolare le istruzioni cartacee o il telefono mentre maneggiavano i pacchi.

Cosa ne pensate di questa incredibile presentazione? Diteci la vostra nei commenti.

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.