Bruce Willis e l’afasia: per gli amici la causa è un incidente sul set nel 2002

Secondo un amico della famiglia, quest'ultima crede che la malattia sia il risultato di un colpo ricevuto sul set de L'Ultima alba.

Bruce Willis
Condividi l'articolo

Bruce Willis, purtroppo, non lo vedremo più sulle scene a causa di una malattia invalidante che lo ha colpito, l’afasia, che gli porta problemi di memoria oltre che ad una alterazione della comprensione delle parole. Purtroppo, secondo alcune recenti informazioni che sono trapelate da poco, sembra che l’attore avesse già difficoltà da diversi anni e che gli ultimi film della sua carriera li abbia recitati con molti rallentamenti, aiutato da alcuni che lo hanno aiutato a recitare le battute.

Oltre a questi complicati retroscena, sembra che ci sia dell’altro e il mistero dietro la malattia di Bruce Willis si infittisce. Una fonte anonima vicina del divo ha infatti rivelato al The Sun che Demi Moore e gli altri famigliari sospettano che la malattia che sta affrontando l’artista sia frutto di un incidente sul set nel 2002, durante le riprese de L’Ultima alba. Mentre stavano girando, sembra che Willis sia stato colpito in testa da un esplosivo per effetti speciali che doveva simulare degli spari.

LEGGI ANCHE:  Buona Pasqua con 20+1 Easter Eggs
Bruce Willis, Friends

Bruce Willis avrebbe già tentato le vie legali citando in giudizio la società di produzione della pellicola e il professionista dietro gli effetti speciali, Joe Pancake, nel 2004. L’uomo ha negato la pericolosità del colpo spiegando che sono “st—-ate” e che il giudice lo ha deriso fuori dal tribunale. Nonostante questo, sembra che l’attore abbia sofferto di dolore e sofferenza mentale, fisica ed emotiva estremi a tal punto che si è dovuto rivolgere ad un personale medico specializzato.

Il tutto si è concluso nel 2005, ma non è ancora chiaro come sia andata a finire, se la parte lesa ha ricevuto dei soldi dalla produzione o no. Insomma, sembra che si stiano aprendo parecchi spiragli sul disturbo di Bruce Willis e purtroppo, in realtà, tutto questo cambia poco il risultato finale: uno dei più grandi attori viventi è stato costretto ad abbandonare il mondo che adora.