Marco D’Amore: “Gomorra violenta? I videogiochi lo sono”

Parlando con Quotidiano.net, Marco D'Amore ha parlato delle accuse mosse a Gomorra che esalterebbe la violenza tirando in ballo i videogiochi

marco d'amore, gomorra
Condividi l'articolo

Il prossimo 19 novembre inizierà su Sky la quinta, conclusiva stagione di Gomorra, serie ispirata al romanzo di Roberto Saviano. Per l’occasione uno dei protagonisti assoluti, Marco D’Amore, interprete di Ciro Di Marzio, ha rilasciato un’intervista a Quotidiano.net durante la quale ha parlato di uno dei topic che più spesso si associano allo show. Ovvero sia il fatto che nella serie vengano in qualche modo esaltate le figure di incalliti cirminali e giustificata la violenza. L’attore ha risposto spiegando che, secondo lui, i videogiochi sono decisamente peggio.

Mi sembra davvero immorale accusare Gomorra di provocare emulazione quando basterebbe conoscere i videogiochi con i quali passano il tempo i ragazzi: videogiochi che raccontano solo di futuri distopici in cui devono ammazzare, sventrare e violentare, e si esaltano di questo. Altro è parlare di fascinazione narrativa. Io sono cresciuto idolatrando i miti della letteratura efferata ma non è che sono diventato un omicida, perché alle spalle avevo un certo contesto familiare e sociale

Andando avanti con l’intervista, D’Amore ha anche risposto ad un’altra accusa spesso mossa a Gomorra, ovvero l’immagine che viene data di Napoli.

LEGGI ANCHE:  Fortunato Cerlino racconta come ha evitato la "cattiva strada"

Napoli è un caleidoscopio, non è solo Gomorra ma è anche quello, ed è giusto raccontarlo proprio per cercare di liberarsene. Nel ’73 Eduardo fu criticato e boicottato perché secondo alcuni con Il sindaco del Rione Sanità parlava male della città.

L’attore infine ha parlato dei suoi sentimenti dovuti alla fine dello show.

Io sono in pace, senza malinconie o tristezze perché ho dato tutto quello che avevo, umanamente e fisicamente. E ho preso a piene mani da un’esperienza clamorosa, da rapporti incredibili che trascinerò con me anche fuori dal set

Cosa ne pensate di queste parole di Marco D’Amore?

Continuate a seguirci su La Scimmia Gioca, La Scimmia Fa per altre news e approfondimenti sui videogiochi!

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.