Crudelia: Le regole Disney hanno impedito l’iconica sigaretta con bocchino

Parlando col il New York Times, Emma Stone si è detta rammaricata di non aver potuto usare l'iconica sigaretta di Crudelia nel film

crudelia
Condividi l'articolo

Crudelia, nuovo live action Disney nel quale ci vengono raccontate le origini di uno dei più iconici villain della storia della Casa del Topo è appena approdato al cinema. La performance di Emma Stone nei panni della temibile rapitrice di cuccioli sta venendo apprezzata da gran parte di critica e pubblico.

Gran parte del successo va ricercata anche nell’estetica che tra capelli bicoloree vestiti d’alta moda, ricorda perfettamente il look di Crudelia. Tuttavia molti fan hanno notato l’assenza di un oggetto iconico della villain: la sigaretta con bocchino. Nel film d’animazione del 1961 la donna fumava quasi in ogni scena nella quale appariva. Tuttavia le regole Disney vietano la presenza di sigarette e simili nei propri film. A spiegare questa scelta è stata la stessa Emma Stone che, durante un’intervista con il New York Times, si è rammaricata di non aver potuto utilizzare in scena quell’iconico strumento.

Non ci è permesso fumare in un film Disney – spiega l’attrice. Era difficile non avere quel bocchino. Ero così eccitata di avere quel pennacchio verde di fumo lì dentro, ma non è stato possibile. Non voglio promuovere il fumo, ma non sto nemmeno cercando di promuovere la scuoiatura dei cuccioli 

Dopo essersi lasciata alle spalle l’esperienza nei panni di Crudelia, Emma Stone ha in programma una collaborazione con Yorgos Lanthimos. L’attrice Premio Oscar per La La Land (qui la reazione della Stone ad aver ricevuto il Premio dal suo amore d’infanzia Leonardo DiCaprio) sarà la protagonista di  Poor Thing, una rivisitazione al femminile di Frankenstein, tratta da un romanzo di Alasdair Gray del 1992 e ispirato al capolavoro di Mary Shelley.

LEGGI ANCHE:  Emma Stone è l'attrice più pagata al mondo. L'anno scorso lo era Jennifer Lawrence

La sinossi ufficiali racconta di Bella Baxter, una donna annegata per sfuggire al marito violento nel cui cranio un chirurgo ha inserito il cervello del feto che portava in grembo, rianimandola (qui tutti i dettagli).

Cosa ne pensate?

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.