Them, la Recensione della serie horror su Amazon Prime Video

L'orrore del passato, l'orrore del presente. Una prima stagione a dir poco intrigante per Them. Ecco la nostra recensione.

them recensione
Condividi l'articolo

L’orrore, la paura, la storia paradossale di un paese come l’America. La Terra della Libertà, ma non per tutti. Almeno non per loro, o Them, come il titolo di questa ambiziosa serie antologica targata Amazon Prime Video. Una serie che scaverà dentro ogni singolo spettatore.

Il passato come specchio di un presente maligno e malvagio in cui il più bieco razzismo verso gli afroamericani ha causato non pochi danni sociali. Manifestazioni, divisioni in buoni e cattivi da parte di una certa frangia politica che hanno evocato fantasmi mai del tutto scacciati.

Ecco quindi riassunto all’incirca Them, dalla mente di Little Marvin, che altro non è che una storia d’orrore americana.

Them, la Trama

Nel periodo della grande migrazione dagli stati del Sud, la famiglia Emory fugge dal North Carolina per una apparentemente più ridente Compton, California, provando a lasciarsi alle spalle un passato a dir poco traumatico.

Tuttavia, le cose non andranno certo a migliorare. Fuori dalla porta della nuova casa su Palm Drive, i vicini sono a dir poco disgustati dal colore della pelle degli Emory. Dentro la casa, strane presenze turberanno una vita già ben lontana dall’essere tranquilla.

Them, la Recensione

L’avvento di un genio come Jordan Peele ha finalmente sdoganato (laddove ce ne fosse bisogno) il fatto che il cinema di genere ha la capacità intrinseca di saper denunciare le diseguaglianze sociali.

Ne sono esempi emblematici i suoi due film, Scappa – Get Out e Noi – Us, che hanno dato vita a questo interessante sotto genere contemporaneo dedicato alla questione razziale. Questo perché, come insegnano i ricorsi storici di Vico nonché le pagine dei giornali di oggi, il razzismo è ancora vivo e vegeto.

LEGGI ANCHE:  Amazon Prime Video: Le Scadenze di Febbraio 2021 [LISTA]

La scuola Peele dunque è riuscita a regalarci interessantissimi esempi, quali Antebellum e His House. Dal film alla serialità, il passo è assai breve. Them ne è il classico esempio, soprattutto perché riesce a portare avanti una molteplicità di discorsi sociali senza mai perdersi nelle sue dieci puntate.

Tessere le lodi di questa prima stagione è quasi fin troppo facile vista la sua potenza, sebbene alcune storture sulla parte finale. Ciò che però balza all’occhio è sicuramente la gestione della narrazione che rappresenta un po’ l’emblema della locuzione “spirale di follia“.

Riprendendo gli stilemi più classici dell’horror, Them offre uno sguardo a tutto tondo sull’horror sociale. Un prodotto che sa come scioccare lo spettatore calcando la mano sulla tensione e senza disdegnare qualche jumpscare né tantomeno scene di puro sadismo, come nella terribile quinta puntata.

Them recensione

L’orrore fuori di casa, l’orrore dentro casa. Impossibile scappare dalla persecuzione della violenza razzista, sia essa concretizzata nelle classiche famiglie W.A.S.P. (acronimo di “bianco, anglosassone e protestante“) o dai fantasmi del passato che prendono forma e trascinando la famiglia nel baratro della follia.

Cosa è reale, cosa no? Them decide di viaggiare su questi due binari apparentemente paralleli, salvo poi incontrarsi in un finale forse fin troppo sbrigativo per alcuni aspetti legati principalmente all’evoluzione psicologica di Lucky (Deborah Ayorinde), moglie e madre vessata dal razzismo e dalla misoginia.

LEGGI ANCHE:  Quella casa nel bosco: uno degli horror più folli degli ultimi anni

Ma l’interpretazione a dir poco magistrale della Ayorinde riesce a colmare alcuni vuoti lasciati dalla fretta di concludere forzatamente la spirale di panico e follia su cui la serie pone le sue basi. Nulla di così grave però da non permettere alla serie di lasciare un certo disagio nello spettatore.

Un disagio acuito dall’atteggiamento di Betty, biondissima razzista vicina degli Emory, interpretata da una perfetta Alison Pill. Il suo sorriso forzato, la sua costante aggressività passiva, vi faranno gelare il sangue. Tuttavia, il dare un senso alla sua cattiveria, sebbene sia ormai una prassi, pesa non poco nelle dinamiche del personaggio.

Them, recensione, Alison Pill, Betty

Così come per Lucky, l’interpretazione riesce a nascondere sotto al tappeto ogni altra stortura. Stortura che appare inspiegabilmente necessaria al giorno d’oggi. Ma poco importa in questo caso.

Il pregio più grande è della regia, capace di dettare i ritmi in maniera molto audace e accattivante. Split screen, uso del grandangolo, long take e split diopter: mai fine a sé stesso come mero esercizio stilistico ma sempre volti a caratterizzare quello che sta accadendo. Tra tutti, sfidiamo a non farvi venire i brividi con i gelidi sguardi in camera di Betty, accompagnati dal suo inquietante sorriso.

Lasciatevi avvolgere dal terrore di Them, provate anche solo vagamente a immaginare come questa possa rivelarsi una vera storia di finzione. Perché, seppur edulcorato con temi esoterici, l’altra metà dell’orrore è del tutto reale. E, purtroppo, attuale.

Cast

  • Deborah Ayoride: Lucky
  • Bashy: Enry
  • Alison Pill: Betty
  • Shahadi Wright Joseph: Ruby

Trailer

Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".