Torino Film Festival: uno sguardo sui film in concorso al TFF38

Condividi l'articolo

Eymofe, Arie e Chuko Esiri

Eymofe
Eymofe, Arie e Chuko Esiri

Lagos, Nigeria. Mofe e Rosa progettano di fuggire dall’Africa, per raggiungere rispettivamente la Spagna e l’Italia. Due storie parallele che sembreranno incrociarsi, per poi tornare ad allontanarsi ed a scontrarsi contro un muro invalicabile.

Un dramma africano che va ad collegarsi ad una serie di film a tema emigrazione molto florida negli ultimi anni. Tema del resto estremamente attuale, qui sviscerato attraverso le due storie. Un elemento che forse indebolisce il film, con la seconda parte (dedicata a Rosa) decisamente troppo lunga e più debole della prima.

Resta un’opera prima di grande rilievo, lucida, che con uno sguardo disincantato evita tutti i luoghi comuni sulla fuga verso l’Europa con uno stile asciutto, senza mai eccedere in facili moralismi.

LEGGI ANCHE:  Il colpevole - The guilty: la recensione del thriller che ha conquistato il Sundance