Torino Film Festival, online il programma della 39° edizione

Ancora pochi al 39° Torino Film Festival, che ritorna in presenza dopo l'anno passato, con importanti novità e tanti film in anteprima,

Torino Film Festival
Dettaglio del manifesto della 39° edizione del Torino Film Festival
Condividi l'articolo

È stato annunciato il programma della 39° edizione del Torino Film Festival, che torna in presenza dopo l’edizione dello scorso anno. Il TFF è ormai da decenni l’appuntamento per eccellenza per tutti gli appassionati di cinema della città e non solo. Negli anni è infatti stato capace di attirare un vasto pubblico non solo dall’Italia, ma spesso anche dall’estero.

Il festival inizierà venerdì 26 novembre e terminerà sabato 4 dicembre.

Come sempre il programma è ampio e variegato, concentrandosi sulla produzione underground mondiale e concedendosi alcune anteprime importanti.

La sezione principale, Torino 39, si presenta come sempre molto interessante, con 12 opere prime e seconde provenienti da tutto il mondo da scoprire.

A Sing 2 spetterà il compito di aprire questa edizione, in una serata che vedrà presente anche la madrina di quest’anno, Emanuela Fanelli. Tra le voci della versione originale e della versione italiana (ambedue saranno presentate al TFF): Scarlet Johansson, Bono, Matthew McConaughey, Frank Matano e Zucchero “Sugar” Fornaciari. Il film uscirà nelle sale italiane il 23 dicembre.

LEGGI ANCHE:  Torino Film Festival dedica il manifesto a Rita Hayworth

A chiudere la rassegna torinese sarà invece Aline, biopic liberamente ispirato alla vita e alla carriera della cantante e icona pop Céline Dion.

39° Torino Film Festival – I film da non perdere

Oltre alle sempre ottime selezioni in ambito cortometraggi e documentari, sono invece molte le proposte che troviamo nelle sezioni fuori concorso tra i lungometraggi di questo 39 TFF. Su tutti spicca il nome di Clint Eastwood, protagonista con la proiezione del suo nuovo film, Cry Macho, in anteprima nazionale. Un anti-western, come è stato descritto in conferenza, che andrà a chiudere un discorso meta-cinematografico iniziato anni fa dal regista americano.

Da evidenziare anche la presentazione di Bangla – La serie, tratta dal film del 2019, Bergman Island di Mia Hansen-Løve, con protagonisti Tim Roth e Vicky Krieps, Jane par Charlotte di Charlotte Gainsbourg (che sarà presente al festival), Tromperie di Arnaud Desplechin Raging Fire di Benny Chan, all’ultimo film prima della prematura scomparsa.

Tra gli horror, sempre molto attesi, si evidenzia soprattutto La Abuela, il nuovo film del co-regista di REC, Paco Plaza.

Torino Film Festival; Clint Eastwood; Cry Macho
Il nuovo film di Clint Eastwood, Cry Macho, in anteprima nazionale al Torino Film Festival

La sezione monografica sarà invece dedicata a due filmmaker libanesi, Joana Hadjithomas e Khalil Joreige, sicuramente poco conosciuti al grande pubblico ma di grande interesse.

Chiudiamo con i film rimasterizzati, fra cui citiamo Santa Maradona di Marco Ponti, cult imperdibile con Stefano Accorsi ed il compianto Libero De RienzoMoloch di Aleksandr Sokurov e Tange Sazen and the Pot Worth a Million Ryo di Sadao Yamanaka, a lungo ritenuto perduto ed ora riportato a nuova vita.

La programmazione è interamente consultabile sul sito del TFF.

Torinese d'adozione ed aostano di nascita, laureato al DAMS. Quando non è impegnato a sopravvivere si interessa in particolare di cinema orientale, di fumetto e di tappeti.