Giulio Macaione, l’intervista all’autore di F***ing Sakura

Grazie a Panini Comics, abbiamo avuto la possibilità di intervistare Giulio Macaione, l'autore di F***ing Sakura

Condividi l'articolo

L’importanza dei personaggi

Messo da parte per un attimo il Giappone, un altro aspetto su cui porre l’accento è stata la costruzione del personaggio.

Infatti, soprattutto in questo secondo volume, si sente un forte legame tra l’autore e il personaggio femminile.

Abbiamo chiesto a Giulio Macaione se abbia riscontrato problemi, lui che è un uomo, a scrivere così intensamente dell’animo di una donna.

Visualizza questo post su Instagram

Ho finito di inchiostrare le tavole del secondo (e conclusivo) volume di F***ING SAKURA, che uscirà a fine ottobre per @panini_comics . C’è ancora del lavoro da fare, ma la storia c’è tutta e @blu_laura_blu ne sta colorando l’ultimo capitolo. Questo fumetto mi ha messo alla prova in tanti modi, è stato una faticaccia ma sono contento di dove Cloe e Josè sono arrivati e non vedo l’ora che anche voi lo scopriate 🌸🇯🇵 • • #giuliomacaione #fuckingsakura #lauraguglielmo #paninicomics #panini #vol2 #dancingwithmyself #graphicnovel #fumetto #fumetti #comics #bd #comic #manga #anime #otaku #japan #giappone #viaggio #trip #libro #book #digitalart #art #arte #makingcomics #cintiq

Un post condiviso da Giulio Macaione (@giuliomacaione) in data:

In realtà quando ho iniziato io mi rispecchiavo molto di più in José che è l’otaku e il nerd che va lì con tutta una serie di aspettative.

Poi, però, a un certo punto del racconto mi sono trovato un po’ quasi in difficoltà a raccontare il personaggio maschile, proprio perché mi somigliava troppo.

LEGGI ANCHE:  Super6an: intervista alla miglior cartoon band italiana

Mi sono detto che forse alla gente non fregava nulla delle mie riflessioni sul Giappone. E quindi il personaggio di Cloe, che invece era diversa da me mi è risultata più divertente da raccontare.

Quindi farla crescere e farla cambiare nel corso dei volumi è stato naturale. D’altro canto io poi sono un lettore di opere scritte da donne da sempre.

Sono un femminista, le donne salveranno il mondo

Sono un femminista convinto, sono sicuro che le donne salveranno il mondo. Diciamo che non mi viene così difficile identificarmi in un personaggio femminile, proprio perché ho sempre fruito di opere scritte da donne, leggo narrativa scritta da donne, guardo film diretti da registe donne, ascolto musica scritta da donne.

Non è un mondo lontano da me quello femminile. Poi anche nella vita di tutti i giorni sono circondate da donne forti. Mi sento molto vicino al personaggio femminile.

Giulio Macaione e l’involuzione di José

Se Cloe cresce moltissimo nell’arco narrativo dei due volumi di F***ing Sakura, José sembra avere quasi un’involuzione.

LEGGI ANCHE:  Dragonero: L'ascesa di Draquir è il videogioco che i fan si meritano [ANTEPRIMA]

All’inizio il lettore è quasi portato a tifare per lui, per questo ragazzo intrappolato in una relazione con una donna che quasi sembra deridere le sue passioni.

Ma, man mano che la storia avanza, José appare sempre più come un personaggio confuso che, con le sue insicurezze, finisce col ferire gli altri.

Abbiamo chiesto a Giulio Macaione di questa evoluzione in “antieroe”. Ecco quello che ci ha detto:

L’evoluzione era preventivata. D’altro canto i personaggi, quando poi inizio a raccontarli, iniziano a muoversi da soli.

So che sembra strano da dire, a volte tu dai un input a un personaggio, ma poi lo inizi a muovere, a far recitare e il personaggio prende tutta una serie di sfumature che magari non avevi preventivato.

Sì, in parte è un’evoluzione – o un’involuzione, nel caso di José – preventivata, però certe cose sono poi venute strada facendo.

Giulio Macaione
José alla scoperta del Giappone in F***ing Sakura, copyright Panini Comics

Il lieto fine non esiste

Senza voler fare spoiler e correre il rischio di rovinarvi la lettura, F***ing Sakura si conclude con una bella riflessione sul lieto fine.

Su quello che rappresenta, sugli stereotipi che spesso ci portiamo sulle spalle. Abbiamo chiesto a Giulio Macaione cosa fosse, per lui, il proverbiale lieto fine:

Quello che è il lieto fine per me non esiste. Siamo abituati a questo concetto di lieto fine che corrisponde a interrompere la narrazione quando i personaggi sono felici.

Ma, questa cosa spesso coincide con l’innamoramento, con la risoluzione di un problema. Però bisogna anche dare per scontato che la vita del personaggio andrà avanti.

Quindi non è una fine, cioè è la fine di quello stralcio di vita. Ma noi abbiamo seguito un pezzettino dell’evoluzione del personaggio, per cui chissà poi cosa vivrà.

Giulio Macaione
Il lieto fine, a volte, è semplicemente conoscere se stessi. Copyright immagine Panini Comics

Quindi il concetto di lieto fine, secondo me è da prendere con le pinze. Poi sicuramente, in questo caso, il lieto fine è il conoscere se stessi.