Categorie: CinemaNews

Calabria, Terra Mia: lo Spot di Muccino fa infuriare i calabresi [VIDEO]

Condividi l'articolo

Calabria, Terra Mia è il titolo dello spot che la regione Calabria ha commissionato al regista Gabriele Muccino (qui la recensione de Gli Anni più Belli, suo ultimo film) per sponsorizzare i viaggi nella regione del Sud Italia e per liberarla da tutti i cliché e gli stereotipi che purtroppo si porta dietro.

Tuttavia quello che si vede nel corto di 6 minuti del regista romano, costato 1,7 milioni d’euro è esattamente l’opposto. Paesani con coppola e bretelle, seduti su tavoli e sedie di legno nel centro del paesino, creano un immagine che sembra essere uscita direttamente dagli anni ’50 o da quale film sulla mafia italo-americana.

In questo corto la trama racconta di, Raoul Bova che porta la sua compagna Rocio Munoz Morales nei posti dove lui è cresciuto per farle vedere la bellezza della Calabria.

Noi abbiamo commissionato un corto per emozionare e incuriosire chi ha voglia di visitare la Calabria. È un video per sprovincializzare e sdoganare il nostro territorio dai soliti cliché – così lo aveva presentato l’l’assessore regionale al turismo Fausto Orsomarso

Tuttavia quello che viene fuori è un accozzaglia di stereotipi che hanno letteralmente fatto imbufalire i calabresi.

Io lo boccio, anche se mi sono piaciute le immagini e il suono. È stata rappresentata una Calabria che non c’è più – dichiara lo scrittore Mimmo Gangemi, originario di Santa Cristina D’aspromonte.

Sono senza parole. Manca la ricerca di una terra che tenta di innovarsi. È una follia allo stato puro – rincara la dose Florindo Rubbettino, presidente dell’omonima casa editrice di Catanzaro

Cosa ne pensate voi di questo Calabria, Terra Mia?

Per ogni aggiornamento continuate a seguirci su LaScimmiapensa.com per altre news, aggiornamenti e recensioni sul mondo del Cinema, dei Videogiochi e delle Serie TV!

Matteo Furina

In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.

Condividi
Pubblicato da
Matteo Furina