Willy, il Principe di Bel Air: arriva il reboot drammatico della serie [VIDEO]

Ve lo immaginate il principe Willy in versione drammatica? Cominciate a provarci.

Willy
Will Smith nella sigla di Willy,il principe di Bel Air

In arrivo una nuova versione della storica serie con Will Smith: il “principe Willy, lo svitato di Bel Air” sarà di nuovo tra noi

Tutti conosciamo Willy, il principe di Bel Air, la storica sitcom anni ’90 che ha lanciato Will Smith come attore celebre, e che ha fatto ridere tutti noi. Le premesse, riassunte nella famosa sigla cantata in Italia da Tonino Accolla, sono ben note.

A causa di problemi involontariamente sorti tra Willy e altri personaggi “in the hood”, il protagonista deve trasferirsi dal ricco zio Phil a Bel Air, a Los Angeles. Cambia quindi completamente vita, trovandosi in un ambiente del tutto nuovo, fuori posto ma anche a suo agio.

Il motore della comicità della serie è appunto il contrasto tra il personaggio da “ragazzo di strada” rappresentato da Willy, con tutte le sue piccole espressioni tipiche, e l’ambiente profondamente diverso nel quale si trova immerso. Un esempio ricorrente sta nel suo rapporto di amore/odio con il mitico cugino Carlton.

La serie, andata in onda dal 1990 al 1996, è presto diventata un cult e ancora oggi conta molti estimatori. Ecco perché si è deciso, trent’anni dopo la prima messa in onda, di progettarne un reboot. Un reboot però drammatico, stavolta.

L’ispirazione viene da un video di YouTube (qui sopra) che nel 2019 ri-immaginava la serie in salsa appunto drammatica, con realismo e tematiche impegnative. Il trailer fan-made, diventato presto virale, ha attratto l’attenzione proprio di Will Smith, il quale si è presto messo al lavoro sulla nuova serie.

Al momento si sa solo che la serie è in lavorazione e che dietro al progetto ci sono gli stessi produttori dell’originale (compreso Will Smith). Tuttavia, non si sa dove verrà trasmessa o quali saranno i protagonisti. Teniamo gli occhi e e le orecchie bene aperti.

Fonte: The Hollywood Reporter

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia pensa, la Scimmia fa.