Uomo armato prende ostaggi per promuovere un film con Joaquin Phoenix

L'uomo armato ha chiesto al presidente di invitare tutti a vedere il film di Phoenix

Joaquin Phoenix nei panni di Joker
Joaquin Phoenix nei panni di Joker

Nel 2020 succede anche questo: cosa non si fa per promuovere un film con Joaquin Phoenix?

Un uomo armato in Ucraina ha tenuto in ostaggio 13 persone e ha chiesto al presidente del paese di sostenere pubblicamente un film di Joaquin Phoenix prima di liberarle.

Secondo il New York Times, uno stallo tra il rapitore, identificato come Maksim Krivosh, e la polizia è durato quasi 12 ore. Una delle richieste dell’uomo era che il presidente Volodymyr Zelensky dicesse agli ucraini di guardare il film del 2005 Earthlings, narrato da Phoenix.

Zelensky ha seguito la richiesta, postando su Facebook: “Tutti devono guardare il documentario Earthlings del 2005”. In seguito ha cancellato il post.

Qui sotto il trailer del documentario:

Il film racconta dell’uso degli animali nelle industrie agricole e scientifiche e include filmati di animali che soffrono. Inoltre mette a confronto lo specismo con il razzismo e il sessismo tra gli esseri umani.
Dopo che Zelensky ha pubblicato il messaggio su Facebook, Krivosh ha rilasciato tutti gli ostaggi e si è arreso alla polizia, secondo quanto riportato dal New York Times. Nessuno degli ostaggi è rimasto ferito.

Krivosh aveva sequestrato un autobus e si era barricato nella città di Lutsk martedì mattina. Ha pubblicato il suo manifesto e le sue richieste su Twitter all’inizio della giornata. Compresa la sua richiesta sul documentario. Ha chiesto ai funzionari governativi e ai membri della Chiesa ortodossa ucraina di postare messaggi in cui si dicono essere terroristi.

I media locali hanno riferito che Krivosh ha mostrato il documentario agli ostaggi sull’autobus.

Krivosh era armato di fucile ed esplosivo. Diversi finestrini dell’autobus sono stati colpiti da proiettili, ma non c’è stato spargimento di sangue. Zelensky ha rilasciato una dichiarazione dopo che gli ostaggi sono stati liberati e Krivosh è stato arrestato, dicendo: “Non stavamo combattendo per gli ascolti”. Stavamo combattendo per delle vite”.

Leggete anche:

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia pensa, la Scimmia fa.