Joaquin Phoenix promuove una piattaforma contro la crudeltà nei mattatoi

Non si ferma l'impegno di Joaquin Phoenix verso gli animali, e le persone che con gli animali ci "lavorano".

Joaquin Phoenix, Joker SAG Awards 2020
Joaquin Phoenix

Joaquin Phoenix vuole che chiunque lavora nei mattatoi denunci in forma anonima qualunque maltrattamento, su animali e persone

Da sempre impegnato su tematiche di questo genere, Joaquin Phoenix muove un passo avanti nella salvaguardia, per quanto possibile, di un ambiente di lavoro “particolare” come quello del mattatoio. Lo fa sostenendo una piattaforma che consente ai lavoratori che lavorano in tale ambiente di denunciare in forma rigorosamente anonima qualunque abuso o violazione delle norme basilari di sicurezza e di rispetto sul posto di lavoro.

Il sito che Phoenix sostiene si chiama Report Animal Ag. Appena affettuato l’accesso, si viene subito informati che è possibile, sulla piattaforma, riportare qualunque “work-related concern” riguardante naturalmente l’ambiente dei mattatoi. Si parla degli Stati Uniti, ma l’iniziativa appare comunque notevole. In basso c’è un form da compilare per chi desidera fare la sua segnalazione.

Chi desidera l’anonimato, si spiega, può lasciare in bianco gli spazi sulle informazioni personali (che infatti non sono obbligatorie). Si viene comunque invitati a lasciare almeno un numero di telefono o un indirizzo e-mail, per essere eventualmente contattati. Invece, è mandatorio indicare i dati dell’azienda che si intende denunciare, e c’è anche la possibilità di caricare foto e video come prove.

A completare il tutto, una serie di statistiche sempre aggiornate che riportano dati preoccupanti per quanto riguarda l’argomento di cui si parla. Da specificare che i mattatoi sono considerati, con la pandemia, luoghi potenzialmente adatti al sorgere di focolai infettivi. Viene infatti indicato il numero di lavoratori di mattatoio morti per COVID-19 (ad oggi 128), di quelli malati (37 mila), e di maiali che dovranno essere uccisi entro settembre 2020 (10 milioni).

Fonte: Plant Based News

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia pensa, la Scimmia fa.