I migliori 8 Disturbing Drama, quando l’orrore è realtà

Un cinema estremo che racconta il vero orrore, quello della realtà malata che ci circonda e che ignoriamo.

Condividi l'articolo

Playground, Bartosz M. Kowalski, 2016

playground disturbing drama

Presentato al festival di San Sebastian, Playground si rifà molto al cinema di Haneke, racontando la violenza giovanile.

Una sceneggiatura minimale, tre ragazzi per tre capitoli, legati dal filo rosso di una rabbia feroce che sfocia sempre in una violenta ribellione verso tutto. Kowalski guarda quello che accade, non dà risposte, si limita a raccontare. Come in un macabro documentario in cui la sua telecamera indugia timorosa.

La Pianista, Michael Haneke, 2001

la pianista

Fondamentale quindi citare Haneke con uno dei suoi film migliori. Un viaggio attraverso la sessualità malsana di Erika, una rigida insegnante di piano che trova soddisfazione solamente nell’umiliare i propri allievi.

Perversioni che diventeranno ossessione quando incontrerà Walter, con il quale inizierà una torbida relazione fisica regolamentata da un decalogo al quale il giovane dovrà attenersi durante il sesso. L’happy ending non è contemplato.

Requiem For A Dream, Darren Aronofsky, 2001

requiem for a dream

Impossibile non menzionare quello che forse è uno dei più famosi disturbing drama di sempre. Si è già detto molto su questo film che ha scioccato chiunque, soprattutto grazie (o a causa) del frenetico montaggio finale, in cui i protagonisti capitolano a causa delle loro malsane dipendenze.

LEGGI ANCHE:  Altre 10 band bizzarre che dovete conoscere

Amore Tossico, Claudio Caligari, 1983

amore tossico

Rimanendo sul tema droga, anche il Belpaese ha saputo dire la sua sui disturbing drama  grazie ad un grande come Caligari.

Un film dalle tinte neorealiste che guarda al mondo dell’eroina in quel di Ostia, seguendo le vicende di giovani tossicodipendenti nella loro malsana quotidianità. Una perla del cinema italiano in generale che deve essere assolutamente recuperata e divulgata.

The Lodge, Veronica Franz & Severin Fiala

The Lodge, la Recensione del nuovo film di Franz e Fiala

Tra le uscite di questo infausto anno, troviamo un disturbing drama molto interessante, dalle forti tinte horror (qui la recensione). Un dramma familiare scuote una famiglia che tenta di ripartire.

La classica vacanza natalizia per far conoscere ai figli orfani di madre, la compagna di loro padre psichiatra: Grace, una sua ex paziente. Una tempesta di neve contagerà il trio a convivere dentro la magione invernale. Ogni cosa che potrà andare male, lo farà.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!

LEGGI ANCHE:  I 10 migliori giochi Indie disponibili su Xbox Game Pass [LISTA]