Quando il sangue diverte: i migliori 7 film splatter da vedere [LISTA]

Tantissimo sangue e, alle volte, anche qualche risata. Astenersi facilmente impressionabili.

Condividi l'articolo

Dopo aver stilato una lista di film estremi e disturbanti, proseguiamo con un altro sottogeneri horror sulla medesima falsariga: lo splatter. Molti i film che usano il sangue non tanto per impressionare lo spettatore, quanto più per strappargli qualche risata. A seconda di quanto si è facilmente impressionabili ovviamente.

Tra teste che esplodono insieme ad ettolitri di sangue, lo splatter ha sempre avuto connotazioni diverse. Ora molto più serioso, come quello presente in Martyrs, ora più giocoso come i primi lavori di Peter Jackson. Vediamo insieme quali sono i migliori splatter, anche non necessariamente horror.

Slither, James Gunn, 2006

slither splatter

Diretto dal famoso regista scuola Troma, James Gunn, Slither è un tripudio di sangue e corpi che esplodono. Una piccola meteora arriva sulla Terra e con essa un’invasione di un pericoloso parassita di origine aliena. Piano piano, l’invasione sarà totale e non risparmierà nessuno.

Deathgasm, Jason Lei Howden, 2015

deathgasm splatter

Una comedy horror che parodizza il connubio tra metal e satanismo. Uno spartito maledetto, una canzone suonata ed ecco che inizieranno i problemi per un giovane amante della musica metal. Nonostante l’impostazione prettamente giocosa, molte scene sanguinolente caratterizzano il film. Strapperà più di una risata, soprattutto agli amanti del genere.

LEGGI ANCHE:  Heidi si tinge di rosso, ecco l'allucinante reboot splatter

Bone Tomahawk, S. Craig Zahler, 2015

bone tomahawk

Un western decisamente atipico che scatena tutta la sua furia in un vero bagno di sangue nel finale. Zahler non è certo nuovo a film estremamente violenti. Tuttavia, in questo western con Kurt Russel protagonista, non risparmia fiumi e fiumi di sangue, con scene estremamente splatter. Nessuna risata ma tantissimo liquido rosso.

1
2
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".