Johnny Depp rischia di perdere in tribunale a causa della sua dipendenza da droga

La battaglia legale di Johnny Depp contro il The Sun ha subito un arresto inaspettato: ecco quello che sta accadendo

johnny depp
Johnny Depp in Blow

La causa che Johnny Depp ha mosso contro un tabloid inglese per averlo definito un uomo che picchiava la moglie ha subito un contrattempo che il team legale della star di Hollywood non aveva previsto.

Johnny Depp ha fatto causa al News Group Newspapers Ltd. e all’editorialista Dan Wootton dopo che il giornale aveva pubblicato un lungo pezzo in cui il giornalista aveva dichiarato con certezza che l’attore era stato fisicamente violento nei confronti dell’ex moglie Amber Heard, anche lei denunciata da Depp per diffamazione.

Soprattutto, Johnny Depp ha negato ogni accusa comparsa sul The Sun, che appunto fa parte del gruppo editoriale che l’attore dovrà affrontare in un processo che è atteso per il prossimo 7 Luglio.

Tuttavia l’avvocato del gruppo editoriale ha richiesto che il caso venga archiviato dal momento che Johnny Depp non ha fornito i messaggi di testo che comproverebbero il suo tentativo di avere accesso alla droga conosciuta come MDMA, quando si trovava in Australia con Amber Heard nel 2015.

Lo scorso Lunedì il giudice Andrew Nicol aveva stabilito che Johnny Depp era venuto meno alla richiesta della corte di diffondere le prove e che i messaggi risalenti al periodo australiano potevano essere d’aiuto alla difesa di coloro che erano stati chiamati in causa. Il giudice avrebbe anche sottolineato che proprio la tempistica dei messaggi incriminati potrebbe avere una certa rilevanza nella discussione del caso.

Sebbene il giudice non abbia archiviato il caso, ha concesso al team legale dell’attore 36 ore per spiegare perché il processo dovrebbe avere comunque luogo.

Uno degli avvocati di Johnny Depp che segue il caso ha intanto commentato la situazione, asserendo che punire il divo di Hollywood prendendo la decisione di eliminare il caso sarebbe una decisione sproporzionata, dal momento che non c’è mai stato l’intento di fare una violazione deliberata.

Per altre news e aggiornamenti continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com