Sanremo: maxi multa, “Non ha garantito la dignità delle donne”

Una multa a dir poco salata, quella che la RAI dovrà pagare.

Sanremo 2020 : teatro ariston
Fronte del Teatro Ariston a Sanremo. Credits: Jose Antonio

Una maxi multa, quella che la RAI dovrà pagare, di ben un milione e mezzo di euro. L’Agcom ha infatti affermato che sarà questa la cifra che dovrà pagare come pena per non aver garantito la dignità della donna al festival di Sanremo. E per tantissimi altri muoviti generici.

Come appare scritto nella nota rilasciata proprio dall’Autorità Per Le Garanzie Delle Comunicazioni, quest’ultimo festival di Sanremo ha dato una scorretta rappresentazione della figura della donna. Per questo motivo, la Rai dovrà sborsare oltre il milione di euro. Prosegue la nota:

“In relazione alla trasmissione del Festival di Sanremo si evidenzia che sono pervenute all’Autorità diverse segnalazioni che lamentavano la scorretta rappresentazione dell’immagine femminile e il ruolo stereotipato della donna nelle trasmissioni RAI. Anche in questo caso è stata verificata una carenza della particolare responsabilità richiesta alla RAI nella garanzia della dignità della persona e nella rappresentazione dell’immagine femminile”

Sebbene non siano citati episodi specifici, il Garante delle Comunicazioni ha accolto le suddette lamentele. Ma poco importa visto che la figura della donna è stata al centro delle polemiche di questo festival di Sanremo. Dalla gaffe di Amadeus ai testi di Junior Cally, passando anche per il discusso monologo di Diletta Leotta.

Non poteva quindi che chiudersi con un’ennesima polemica che farà discutere. Come in fin dei conti è stato questo Festival di Saremo, tra i più seguiti e chiacchierati di sempre.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!

Lorenzo Pietroletti
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".