Box Office Italia, il ritorno di Gabriele Muccino trascina il post-Oscar

box office italia

Riprende finalmente fiato il Box Office Italia dopo alcune settimane costellate da uscite sottotono. Se Aldo Giovanni e Giacomo hanno ritrovato un pubblico, i numeri di Birds of Prey e Dolittle avevano fatto marcare un segno meno rispetto alle uscite dello scorso anno; segno riportato in riga dall’uscita di Gli Anni Più Belli di Gabriele Muccino. Il ritorno in patria dell’autore romano ha sicuramente giovato alla sua filmografia in termini di incassi, e dopo i numeri non esaltanti delle ultime commedie americane, i recenti due lavori sembrano averlo rilanciato alla grande. Con 2.8 milioni di euro al debutto, Gli Anni Più Belli vince San Valentino e la settimana post-Oscar, fermandosi appena sotto il recente A Casa Tutti Bene.

 

Parasite

Numeri apprezzabili anche nel resto della top ten del Box Office Italia, chiaramente marcata da un ritorno dei titoli premiati a Los Angeles. Il nuovo Sonic la spunta per poche migliaia di euro sul redivivo Parasite, che torna in sala e conquista 1.4 milioni (quasi quanto incassato nella sua prima distribuzione autunnale). Tengono bene Aldo Giovanni e Giacomo, ora a sette milioni, mentre perdono posizione Harley Quinn e Downey Jr. Da notare, fuori top ten, l’ottima media dell’evento Memories of Murder, rilancio del classico di Bong Joon-Ho del 2003.

Questa la Top Ten approfondita del Box Office Italia al lunedì del 17 febbraio:

  1. GLI ANNI PIù BELLI WE: 2.896.109 euro TOT: 2.896.109;
    SPETT: 445.778; SALE: 817; SETT: 1
    Spinto alla grande da San Valentino e dal successo del precedente A Casa Tutti Bene, si conferma il momento di forma di Gabriele Muccino. Doppiati i diretti concorrenti, se avrà vita lunga potrà puntare ad agganciare i 9 milioni del predecessore.
  2. SONIC WE: 1.445.090 euro TOT: 1.445.090;
    SPETT: 229.792; SALE: 457; SETT: 1
    Successo quasi clamoroso in patria, vola più basso in Italia il riccio degli storici videogame. Non è in realtà un gran momento per i blockbuster USA, battuti a più riprese da prodotti locali.
  3. PARASITE WE: 1.401.083 euro TOT: 4.142.955;
    SPETT: 209.797; SALE: 441; SETT: 15
    Per la gioia di distributori ed esercenti, il trionfo di un outsider agli Oscar è sempre garanzia di rilanci in grande stile a costo zero. Il capolavoro di Boong raccoglie un milione e mezzo, ed è improvvisamente un kolossal.
  4. ODIO L’ESTATE WE: 980.701 euro; TOT: 6.907.013;
    SPETT: 147.974; SALE: 445; SETT: 3
    Tengono discretamente i tre comici milanesi. I numeri degli anni d’oro sono lontani, ma come il recente Amici Come Prima l’operazione revival ha saputo pagare.
  5. BIRDS OF PREY WE: 597.089 euro; TOT: 2.104.291;
    SPETT: 86.358 ; SALE: 393; SETT: 2
    Primo vero flop internazionale di questo nuovo anno. Lo scarso amore per il prototipo non ha aiutato, così come una campagna marketing sprovveduta e respingente. I supereroi iniziano male il decennio.
  6. DOLITTLE WE: 586.384 euro TOT: 4.313.119;
    SPETT: 92.144; SALE: 366; SETT: 3
    Il percorso di reinvenzione per il Robert Downey Jr orfano di Iron Man dovrà passare per qualcos’altro. Dolittle non è piaciuto, e ogni proposito di franchise è al momento abortito.
  7. 1917 WE: 451.440 euro TOT: 6.350.264;
    SPETT: 67.069; SALE: 342; SETT: 4
    Bene ma non benissimo il blockbuster di Mendes, che spinto da una campagna Oscar travolgente avrebbe forse puntato a qualcosa di più. Chiuderà poco oltre i 7 milioni.
  8. FANTASY ISLAND WE: 351.059 euro; TOT: 351.059;
    SPETT: 52.210 ; SALE: 262; SETT: 1
    Prodotto low cost di rilancio per Fantasilandia, il reboot 2020 incassa il giusto e proverà ad avvicinarsi al milione.
  9. JOJO RABBIT WE: 199.387 euro; TOT: 3.784.543;
    SPETT: 29.429; SALE: 183; SETT: 5
    Ultimi fuochi per il Best Adapted Screenplay dell’anno. Waititi arrotonda, numeri in linea con una buona commedia media.
  10. IL DIRITTO DI OPPORSI WE: 114.843 euro; TOT: 1.217.083;
    SPETT: 17.412; SALE: 115; SETT: 3
    Sorprendenti numeri per un lavoro di impegno civile partito a rilento e apparentemente lontanissimo dai gusti locali. Passo passo, arriverà al milione e mezzo.

    fonte: cinetel