C’era Una Volta a Hollywood, il montatore ha rivelato le Scene Tagliate

C'era Una Volta a Hollywood
Brad Pitt e Leonardo DiCaprio in C'era una volta a ... Hollywood
Condividi l'articolo

Una vera e propria epopea sul cinema e per il cinema. Il nono (e penultimo?) film di Quentin Tarantino, C’era una Volta a… Hollywood era stato concepito come un lunghissimo film di circa quattro ore. Moltissime le scene girate, la cui metà è andata riposta da una parte. Non sappiamo se riusciremo mai ad avere una director’s cut sotto forma di film o di serie TV, intanto il montatore Fred Raskin ci ha rivelato alcune delle scene tagliate.

Dopo aver montato Django: Unchained e The Hateful Eight, Raskin ha messo la firma (e le forbici) anche in questo C’era una Volta a… Hollywood. In un’intervista, ha raccontato che non è stata cosa semplice tagliare tutto quel girato, anche perché ogni minimo cut poteva alterare tutto l’equilibrio del film stesso. E non importava quanto una scena potesse essere bella. Come ad esempio quella che riguarda Trudi e Rick Dalton.

Raskin ha dichiarato che si oppose fermamente al taglio di una scena in particolare, secondo lui la migliore di tutto il film. Che però aveva un problema. Per Tarantino era un doppione. Infatti, la sequenza in questione mostrava una telefonata tra la bravissima Julia Butters e Leonardo DiCaprio in cui la giovane attrice si congratulava di nuovo con Dalton.

LEGGI ANCHE:  10 film da vedere in lingua originale

Una scena che, da quanto apprendiamo, sembrerebbe essere davvero toccante, tanto quanto quella girata alla fine delle riprese di Lancer in cui la Butters si congratula con Leo sussurrandogli all’orecchio.

Leggi anche: la nostra recensione del nono film di Tarantino

Un’ altra scena tagliata di C’era una Volta a… Hollywood molto importante e complicata ci porta nel ristorante in cui Dalton, Booth e Schwarz si incontrano. Spiega Raskin che questa sequenza era inizialmente di circa mezz’ora. E con un po’ di senso di colpa per aver tagliato moltissimi dialoghi di questi tre attori fenomenali, ha anche raccontato come sia stato divertente far entrare in scena gli spezzoni dei fake film che vedevano Dalton/DiCaprio protagonista. Dal western al war movie in uno schiocco di dita!

Infine, Raskin rivela anche una piccola curiosità su una delle scene più horror di C’era una Volta a… Hollywood, quella della fattoria di George Spahn, interpretato dal compianto Bruce Dern. Ebbene, Raskin racconta che Quentin Tarantino non voleva alcuna musica ad accompagnare l’inquietudine.

LEGGI ANCHE:  5 grandi interpretazioni di Chow Yun-Fat

Nessun espediente musicale quindi. Tuttavia, in maniera a dir poco brillante, ecco arrivare un’interessante citazione che raccoglie in sé una perla. L’unica musica che si sente proviene dalla TV ed è un brano composto Herrmann per un film di Hitchcock, Il Sipario Strappato, e che non fu mai usata.

Dichiarazione dopo dichiarazione, racconto dopo racconto, riusciremo a venire a conoscenza di tutto le scene tagliate, seppur non nel dettaglio. Per quello bisognerà aspettare ancora molto tempo. Intanto, dopo la scena in cui c’era la presenza di Charles Manson, abbiamo altro materiale da cui attingere.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!