C’era una volta a Hollywood, ecco la scena tagliata con Charles Manson

C'era Una Volta A Hollywood

Sappiamo già che l’ultimo capolavoro di Quentin Tarantino, C’era una volta a Hollywood, avrebbe dovuto essere molto più lungo. Tantissime le scene tagliate, alcune davvero pazzesche, stando a quanto dice Damon Harriman, il doppio Charles Manson. Un film che forse riusciremo a vedere nella sua totale interezza, prima o poi.

Nel frattempo, in attesa dell’edizione home video con alcune scene tagliate, è stata svelata una di queste che vede coinvolti Charles Manson e lo stunt-man Cliff Booth. Più precisamente, il momento in cui il personaggio magistralmente interpretato da Brad Pitt si trova sul tetto di Rick Dalton per riparare l’antenna. Dall’altra parte, dove abitano Sharon Tate e Roman Polanski, ecco avvicinarsi Charles Manson.

Leggi anche: la recensione del nono film di Quentin Tarantino

Ricordiamo tutti quel doppio momento in cui da un lato Booth ripara l’antenna, dall’altro Manson cerca Terry Melcher, produttore discografico, e Dennis Wilson, membro dei Beach Boys. Dopo la risposta negativa di Emile Hirsch, circa il loro trasferimento da un’altra parte, Manson rimonta in macchina e se ne va. Tuttavia, la scena doveva proseguire con lo stesso Manson che incrocia proprio Cliff Booth sul tetto.

Qui Manson fa un cenno a Booth e in maniera a dir poco animata, scende dall’auto solamente per ricoprilo di insulti. Un “Vaffanculo, Jack” che però lascia ovviamente perplesso il buon Cliff. Il quale, giustamente, si chiede cosa diavolo volesse da lui quel tizio là. Ma soprattutto, ci chiediamo noi, chi è questo Jack? Lo scopriremo forse in una eventuale director’s cut di C’era una volta a Hollywood.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!