Joker: il personaggio di De Niro si ispira ad un film di Scorsese

Diretto da Todd Phillips con Joaquin Phoenix nei panni del protagonista, il film vede come personaggio non protagonista, ma piuttosto interessante, Murray Franklin, interpretato dal noto attore, Robert De Niro.

Joker: il personaggio di De Niro si ispira ad un film di Scorsese

Joker è sbarcato nelle sale italiane lo scorso 4 ottobre, e nel giro di pochi giorni ha avuto un successo clamoroso al boxoffice. Diretto da Todd Phillips con Joaquin Phoenix nei panni del protagonista, il film vede come personaggio non protagonista, ma piuttosto interessante, Murray Franklin, interpretato dal noto attore, Robert De Niro.

Nel film, Murray Franklin è uno stimato conduttore televisivo, che nel corso della narrazione entrerà in contatto con il personaggio di Arthur Fleck. L’ispirazione di tale personaggio è dovuta al film del 1982, Re per una notte, interpretato dallo stesso Robert De Niro nei panni del protagonista e diretto dal blasonato regista Martin Scorsese.

Potrebbe interessarti: Joker, dieci film “fondamentali” da vedere

Nella pellicola Re per una notte, De Niro veste i panni di Rupert Pupkin, un aspirante comico il cui idolo è Jerry Langford, comico e presentatore televisivo. Il suo sogno è quello di apparire nello spettacolo del famoso conduttore e di essere in grado di raggiungere la fama di cui ha bisogno per guadagnarsi da vivere. Tuttavia, Pupkin non conosce il confine tra bene e male, facendo di tutto per raggiungere il scopo ed essere qualcuno.

Arthur Fleck, proprio come Rupert Pupkin prende la strada più veloce, catturando l’attenzione delle autorità. In questo caso i due personaggi seguono un percorso parallelo avendo una mente instabile, facendo di tutto per essere qualcuno, per trasformare la loro vita.

Inoltre, Todd Phillips, avendo dato molta importanza alla filmografia di Scorsese per la realizzazione di questo film, ha riportato alcune dichiarazioni a IGN in merito all’aspetto psicologico del personaggio di De Niro in Re per una notte, ricalcando il parallelismo con il personaggio di Arthur Fleck.

Ecco le le parole rilasciate dal regista:

“È la storia di un uomo che non distingue più la fantasia dalla realtà e le cui illusioni hanno conseguenze inquietanti. Anche se Scorsese sa che Pupkin è una persona terrificante, lui e De Niro non perdono mai di vista il fatto che le sue azioni sono il risultato di una mente tragicamente disturbata”

Ricordiamo che Joker è ora al cinema.

Leggi anche: Joker: Il difficile rapporto tra Phoenix e De Niro raccontato dal regista

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com