J.K. Rowling dona 15 milioni di sterline per la ricerca

j.k. rowling
Credits: Wikipedia/Executive Office of the President
Condividi l'articolo

J.K. Rowling, la celeberrima inventrice di Harry Potter, dopo aver annunciato la pubblicazione di altri 4 libri dedicati alla saga del maghetto più famoso del mondo, ha voluto fare del bene.

Difatti la scrittrice britannica, ha donato ben 15 milioni di sterline alla clinica Anne Rowling dell’università di Edimburgo che si occupa di malattie neurologiche.

Leggi anche: Harry Potter, una scuola del Tennesse li toglie: “Alto rischio di maledizioni e stregonerie”

Il nome della clinica, come evidente, è già fortemente legato a J.K. Rowling. Difatti fu istituita nel 2010, a seguito di un’altra generosa donazione della scrittrice, in ricordo della madre, scomparsa a 45 anni a causa proprio della sclerosi multipla.

L’ingente somma però non servirà solo ad aiutare i malati vittima della sclerosi, ma servirà in generale per tutte le gravi patologie neurologiche, come il Parkinson o l’Alzheimer.

“Per me sostenere la ricerca è un grande orgoglio. Quando la clinica Anne Rowling è stata fondata, nessuno poteva immaginare che avrebbe fatto simili progressi in un campo così delicato come quello della neurologia rigenerativa. Sono felice e orgogliosa di supportare la clinica in una nuova fase di scoperte e successi.”

Queste le parole orgogliose della scrittrice a riguardo di questo suo bellissimo gesto di generosità.

LEGGI ANCHE:  Ricky Gervais a gamba tesa nel dibattito sulla transfobia ed è polemica

Leggi anche: Harry Potter, in America sono convinti che si farà una serie TV

Peter Mathieson, preside e vice cancelliere dell’Università di Edimburgo, si è detto estremamente commosso dal gesto della scrittrice ed ha voluto ringraziarla pubblicamente.

“Questi nuovi fondi apriranno le porte ad una nuova generazione di ricercatori. Siamo onorati che J.K. Rowling abbia scelto di continuare il suo sostegno alla clinica di neurologia rigenerativa ‘Anne Rowling’. Questo gesto stimolerà nuovi studiosi a concentrarsi sulla scoperta e l’offerta di migliori terapie per i pazienti.”

Un buon modo di investire l’incredibile fortuna ottenuta grazie ad Harry Potter. Poco ma sicuro.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com