Leonardo DiCaprio dona 5 milioni di dollari per salvare l’Amazzonia

leonardo dicaprio, greta thunberg
Leonardo DiCaprio, qui in una scena di The Revenant, ha incontrato Greta Thunberg a New York

Leonardo DiCaprio, uno degli attori più amati al mondo, oltre ad essere un grande professionista è anche un uomo che da sempre lotta per l’ambiente. Non è infatti una novità che il premio oscar per The Revenant sia impegnato in diverse lotte ambientaliste, tanto da aver fondato una propria fondazione ecologista: Earth Alliance, insieme ai filanotropi Laurene Powell Jobs e Brian Sheth.

Vista la situazione degli incendi in Amazzonia, Leonardo di Caprio non è tirato indietro e sta cercando di dare il suo contributo. Ha donato infatti 5 milioni di dollari attraverso un fondo di emergenza. Questi soldi verranno impiegati come aiuto e sostentamento delle comunità indigene oltre che di altri partner locali che lavorano per proteggere la foresta amazzonica dalla diffusione dei roghi.

Leggi anche: Tarantino ha impiegato 5 anni per scrivere C’era una volta… a Hollywood

L’attore, che non è assolutamente nuovo a gesti simili, ha ovviamente anche lanciato una richiesta attraverso i suoi profili social, affinchè anche altre persone possano contribuire, ognuno con le proprie possibilità, per aiutare le organizzazioni come Earth Alliance a mettere un freno al terribile problema degli incendi nel polmone amazzonico.

Leggi anche: The Wolf of Wall street: recensione

“I polmoni della Terra sono in fiamme. Senza l’Amazzonia, non possiamo controllare la temperatura terrestre: l’Amazzonia ha bisogno di qualcosa di più delle nostre preghiere. Cosa possiamo fare?”

Cosi ha scritto uno dei protagonisti di C’era una volta… a Hollywood di Quentin Tarantino che sta spopolando nei botteghini mondiali. Leonardo DiCaprio non è sicuramente l’unico esponente di spicco che sta lavorando per dare una mano all’emergenza forestale amazzonica.

Difatti anche i potenti del mondo riuniti nel G7 di Biarritz hanno deciso di stanziare 20 milioni per arginare la minaccia, mettendosi al fianco di associazioni come quelle dell’attore in favore di indigeni e biodiversità.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com