Home News Bon Iver - i,i viene pubblicato all'improvviso; e sì, è bellissimo

Bon Iver – i,i viene pubblicato all’improvviso; e sì, è bellissimo

Una sorpresa tanto inattesa quanto gradita: i,i, il nuovo album dei Bon Iver, è qui.

I Bon Iver hanno pubblicato in largo anticipo, un singolo dopo l’altro, il loro nuovo album.

Non è la prima volta che una band, anche per accrescere l’hype in attesa di una prossima uscita, decide di pubblicare in singoli diverse canzoni di un nuovo album, in un tempo breve. Ma i Bon Iver sono andati oltre: il loro nuovo disco, i,i, sarebbe in uscita il 30 agosto, ma tra un singolo e l’altro (dei quali parecchi pubblicati nelle ultime ore), tutto l’album è finito in streaming oggi. Che Justin Vernon abbia deciso di “lasciare andare” le proprie canzoni col contagocce, una alla volta, anziché pubblicarle tutte insieme per la data prevista? Pare proprio che sia così.

E cosa ci rimane da fare, se Vernon ha deciso di farci ascoltare in anticipo il suo nuovo album? Beh, recensirlo, naturalmente. Fin dal titolo, i,i, con la reiterazione del pronome personale “io” sembra indicare un’introspezione, per la musica dei Bon Iver, se possibile, ancora crescente. Ma potrebbe anche trattarsi di un volto umano: eye, comma (che potrebbe essere un naso), e eye. Ma stiamo interpretando. In ogni caso, non c’è nulla di casuale: lo prova il fatto che l’album sia stato pubblicato esattamente ventidue giorni prima della data prevista, e in data 8 agosto. Riferimenti a due canzoni dell’album precedente: 22 (OVER S∞∞N) e 8 (circle).

Nel disco, i suoni non si soffermano più su un semplice stile folktronico, come in 22, A Million, ma tradiscono influenze sempre più astratte e intangibili. Le sonorità non sono più categorizzabili sotto un unico genere o un unico stile, ma fanno parte di un’impalcatura musicale fatta di accenti spirituali e melancolia strumentale. Possiamo sentire sassofoni, violini, sintetizzatori, cori gospel e chitarre folk, il tutto fuso in un unico mondo. Nei testi, Justin Vernon utilizza parole fugaci, impressioni vocali, brevi versi che colpiscono per la loro semplicità ed efficienza nel riassumere concetti in teoria estremamente complessi. Vernon è un poeta sonoro, che colpisce dritto al cuore con mira stilistica infallibile.

Bon Iver – Holyfields, 2019

Un limbo di autoanalisi musicale.

Le canzoni sono pallide, perlacee, fragili nelle intenzioni, profonde nelle liriche. La forma stilistica, seppur, come detto, difficilmente definibile, sembra unire il meglio dei due mondi dei Bon Iver: quello indie folk dei primi due album, For Emma, Forever Ago (2008) e Bon Iver, Bon Iver (2011); e quello folktronico di 22, A Million e delle collaborazioni con James Blake e Kanye West. E sono proprio le collaborazioni, a proposito, a non mancare, simboleggiando anzi l’eclettismo e la varietà di generi toccati dai Bon Iver in quest’album: ci sono James BlakeAaron Dessner di The National (con il quale Justin Vernon aveva già collaborato nei Big Red Machine), Bruce HornsbyMoses Sumney e Channy Leaneagh.

Le canzoni migliori? Ci verrebbe da dire tutte, ma se proprio volete qualche titolo sul quale soffermarsi in particolare citiamo Hey, Ma, Faith, Holyfields, e Marion. Ancora è presto, e un ascolto solo non basta per farsi un’idea completa del risultato raggiunto, ma per ora possiamo tranquillamente affermare che i Bon Iver sono la punta dell’avanguardia musicale. Provenienti dal panorama indie, hanno abbattuto praticamente ogni confine musicale in brevissimo tempo, creando un universo paradisiaco di raffinata introspezione, auto-analisi musicale (e musicologica) e distruzione dell’ego. Insomma, per dirla in termini estremamente semplici, ne siamo estasiati, e non possiamo fare altro che ringraziare Justin Vernon di vivere nel nostro stesso tempo.

https://open.spotify.com/album/54DU59anGQsdrFP7utpshG
Bon Iver – i,i / Anno di pubblicazione: 2019 / Genere: Folktronica

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

Andrea Campana
Nato a Palmanova il 26 ottobre 1989, vivo ad Aquileia. Sono autore, scrittore, critico musicale e social media manager. Laureato al DAMS di Gorizia e conseguita laurea magistrale in Discipline della musica, dello spettacolo e del cinema/Film and audiovisual studies. Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos.

da leggere

Killers Of The Flowers Moon, DiCaprio e De Niro saranno nel film [Video]

Tra qualche mese, il grandissimo Martin Scorsese inizierà con le riprese di un film, Killers Of The Flower Moon, che già si preannuncia a...

Box Office Italia, il trionfo assoluto di Me Contro Te

E' un gennaio iniziato col botto, quello che in queste settimane sta promettendo un 2020 di livello straordinario per il Box Office Italia. I...

SAG 2020, Parasite è il primo film straniero a vincere il Miglior Cast

Ci aveva provato Roberto Benigni con La Vita è Bella, da essere il primo film straniero ad essere candidato e vincere il SAG Award...

Lutto per i Metallica: morto il padre di Cliff Burton

Mancato il padre dello storico bassista Cliff Burton Deceduto alla veneranda età di 94 anni Ray Burton, padre...

Radiohead lanciano library online

I Radiohead sempre un passo avanti con la Library che è il sogno di ogni fan A quanto...