Quella volta che Moby fece un pezzo techno a 1015 BPM

La canzone Thousand di Moby fu una delle più veloci mai registrate.

Nel 1993 Moby era ancora all’inizio della sua carriera. Giovane star della techno, già famoso per il singolo Go e attivissimo nell’ambiente, il musicista si dedicava allora a sonorità che oggi nessuno gli attribuirebbe. Infatti il Moby calmo, riflessivo, posato di Play e 18 doveva ancora venire. Ancora imberbe produttore ambizioso, nel 1993 l’artista produsse la traccia intitolata Thousand, che potete sentire qui sotto. Uno dei momenti più memorabili (se pur poco ricordati) della sua carriera.

La canzone è un pezzo techno che, partendo da una base elettronica molto semplice, accelera a dismisura fino a raggiungere la velocità inusitata di 1015 BPM (beats per minute), per poi rallentare ancora e tornare ad accelerare. Tanto per dare un’idea: la maggior parte delle canzoni pop e rock moderne si collocano, come tempo, tra gli 80 e i 120 BPM. Non a caso, la registrazione entrò nel Guinness dei Primati come appunto la canzone avente tempo più veloce “di sempre”.

Moby

Il pezzo è stato inserito nella versione tedesca del primo album dell’artista, nel 1992, e pubblicato poi come doppio singolo lato A, assieme ad I Feel It, nel 1993. Decisamente, un pezzo da far ascoltare a chi ritiene che Moby sia tutto yoga e ambient.

Leggi anche:
Moby – Recensione Everything Was Beautiful, and Nothing Hurt
Moby vs Portman, il cantante si arrende e chiede scusa all’attrice

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

Moby – Thousand, 1993

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl primo re di Rovere conquista il mondo
Prossimo articoloModeselektor: la loro storia
Nato a Palmanova il 26 ottobre 1989, vivo ad Aquileia. Sono autore, scrittore, critico musicale e social media manager. Laureato al DAMS di Gorizia e conseguita laurea magistrale in Discipline della musica, dello spettacolo e del cinema/Film and audiovisual studies. Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos.